Nella notte tra lunedì 27 e martedì 28 dicembre, l’ASST di Lecco ha subìto un attacco hacker. Gli ospedali “Manzoni” di Lecco e “Mandic” Merate sono rimasti paralizzati per circa dodici ore a causa del malfunzionamento delle reti informatiche interne e del cloud regionale gestito da “Aria”.

Raffaele Erba, consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle, annuncia un’interrogazione sul caso per tutelare i dati sensibili dei cittadini:

“Questo grave attacco al sistema informatico crea diversi problemi che necessitano di urgenti chiarimenti. Prima di tutto la manomissione dei server ha causato pesanti disservizi. Ma l’attenzione va focalizzata soprattutto sull’entità del possibile furto di dati sensibili poiché rischia di aprire molte pesanti ricadute. Innanzitutto occorre delimitare l’estensione dell’attacco informatico: migliaia di dati personali e sensibili sono in pericolo e sappiamo quanto stiano diventando sempre più preziosi per l’elevato valore che hanno sul mercato illegale”.

“In secondo luogo, è fondamentale mettere in sicurezza l’intera rete informatica perché chi ha tentato di introdursi negli archivi regionali potrebbe prendere di mira altre ATS lombarde mettendo a rischio l’intero territorio regionale”.

“Dobbiamo poi chiarire se sono state messe in campo tutte le azioni per garantire il ‘data-breach’ con particolare attenzione alla notifica del furto al Garante della Privacy e ai titolari dei dati. Auspichiamo che il responsabile del trattamento dei dati, quindi Regione Lombardia, abbia attivato le procedure per valutare l’entità del danno e informare tutti i proprietari delle identità perse o sottratte secondo quanto prevede la legge”.

“Per fare luce sulla vicenda presenterò un’interrogazione: i dati sensibili dei cittadini vanno protetti con ogni mezzo”.