Due giorni di appuntamenti, dai laboratori per ragazzi e bambini nelle corti al flash mob tra le piazze e le vie di Acquate, dalle tavole rotonde su temi centrali per il presente e il benessere della comunità ai primi passi verso la costruzione di una TV di quartiere. È l’edizione zero della Festa di Santa Lucia, il fine settimana che sabato 11 e domenica 12 dicembre 2021 animerà il rione di Acquate con attività volte a costruire un sempre più efficace dialogo con e per il territorio.

Un’iniziativa promossa da Crams di Lecco, ATS Brianza e ASST Lecco nell’ambito dei progetti “City4Care” (Interreg Italia-Svizzera) e “Attiviamoci/Impliquons-nous” (bando cultura di Fondazione Cariplo), sempre con l’intento di dare forma a un territorio laboratorio – da mesi definito “Quartieri del Terzo Paradiso di Lecco” – in cui sperimentare, attraverso l’arte e momenti di riflessione collettiva, innovativi modelli di convivenza e sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Un percorso che, dopo i numerosi festival organizzati la scorsa estate proprio all’interno dei QTP di Lecco, ora intende sempre più affermarsi come elemento di continuità.
«Dopo i festival che da giugno a settembre si sono susseguiti nei Quartieri del Terzo Paradiso – spiega Angelo Riva, Presidente del Crams di Lecco – proseguiamo tenendo viva l’interazione con una cittadinanza che vogliamo rendere sempre più protagonista attiva della trasformazione in atto. La Festa di Santa Lucia permetterà di scoprire e vivere il quartiere di Acquate, di svolgere attività su modello di quanto fatto d’estate con i bambini del Koko Camp e di coinvolgere realtà attive nel quartiere come la Gelateria Nuova Trinacria, Lab. 22 e la Comunità Pastorale Beata Vergine di Lourdes Acquate-Bonacina-Olate, sempre nell’intento di fare rete e sviluppare intergenerazionalità, incontro e scambio. Un approccio che coinvolgerà anche i bar e i locali di Acquate che hanno scelto di aderire alla festa (Bar Vitali, Laga Caffè, L’arco bar, Nuova Trinacria, Taverna ai Poggi, Trattoria Canto Giovannella) e che saranno felici di ospitare i partecipanti per il pranzo, la cena o per una sosta tra un’attività e l’altra, talvolta con delle proposte ad hoc».
Due giorni di creatività e musica nelle corti, quindi, che qui divengono luoghi di condivisione e creazione: «aprire i portoni – riprende Riva – coincide materialmente con l’azione performativa di creare una comunità d’interazione continua, in cui lo scambio diventa il nuovo mezzo comunicativo». Ma anche, questo l’intento della festa, un’occasione per riflettere su temi del nostro presente quali la costruzione di una comunità di cura diffusa e l’educazione alimentare, per costruire un futuro più inclusivo e sostenibile. Ad aprire il calendario sono, infatti, due tavole rotonde in programma per la giornata di sabato 11 dicembre al CRAMS di Lecco, entrambe con la partecipazione dello stesso Crams, di ATS Brianza, ASST Lecco ed Està Economia e sostenibilità Milano. Alle 10 si parlerà, nello specifico, di Arte, cura e benessere. Nuovi bisogni post pandemia, mentre alle 14.30 sarà la volta del confronto su Cibo, benessere e ambiente.
Diverso il tenore della giornata di domenica: una lunga carrellata di laboratori e attività per bambini e ragazzi che dalle 10.30 alle 16 si terranno nelle corti e nelle piazze del quartiere. Un cartellone di proposte che vedranno la partecipazione di insegnanti del Crams di Lecco ma anche di artigiani, pronti a trasmettere ai più giovani un po’ dei loro saperi. Una giornata che vedrà i partecipanti mettersi alla prova in differenti attività, dal riutilizzo degli scarti al lavoro artigianale, dal gioco degli scacchi alla creazione, sul momento, di una Young Orchestra, dalla decorazione di biscotti alla tessitura. E ancora il laboratorio di percussioni non convenzionali, quello di Soundbeam e il workshop di documentario tv tenuto dalla giornalista Katia Sala all’interno del progetto TV dei Quartieri del Terzo Paradiso, il tutto in una giornata che vuole proporsi come festa, occasione di incontro e di crescita.
In cartellone, sempre per domenica e come anticipato, anche l’atteso flash mob, che prenderà il via alle 10 del mattino da Piazza V Alpini, farà tappa alle 11 alla Terrazza dell’Iperal e alle 12 raggiungerà Piazza della Vittoria per la conclusione. Un’iniziativa, questa, che grazie alla guida di musicisti e danzatori di Crams e Accademia Danza Merate permetterà a chi lo vorrà di partecipare all’esecuzione di ritmiche ripetute e melodiche e alla realizzazione di una versione particolare di Viva la vida dei Coldplay. Un’esibizione colorata e partecipata, alla quale ci si può preparare consultando i materiali disponibili a questo collegamento: https://c-r-a-m-s.jimdo.com/qtp-attiviamoci-c4c/santa-lucia. (Al termine del flash mob, aperitivo offerto ai partecipanti dal Crams e dalla Taverna ai Poggi).
Informazioni – Per partecipare ai laboratori e alle tavole rotonde scrivere una mail a info@qtplecco.it. Il programma dettagliato con tutte le attività e i relativi orari è consultabile al seguente link: https://c-r-a-m-s.jimdo.com/qtp-attiviamoci-c4c/santa-lucia
La Festa di Santa Lucia è organizzata da Crams di Lecco, ATS Brianza e ASST Lecco nell’ambito dei progetti “City4Care” (Interreg Italia-Svizzera) e Attiviamoci/Impliquons-nous” (bando cultura di Fondazione Cariplo). L’evento vede la collaborazione di Nuova Trinacria, Lab. 22, Enaip Lombardia Lecco, Accademia Danza Merate e Comunità Pastorale Beata Vergine di Lourdes Acquate-Bonacina-Olate. Partner di “Attiviamoci/Impliquons-nous: Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, Caritas Ambrosiana, Comune di Lecco, Koko NYC.