Pescate, 21 novembre 2021 – Al parco Addio Monti di Pescate, sono state riposizionare questa settimana le telecamere distrutte qualche settimana fa da un gruppo di ragazzini minorenni.

I nuovi dispositivi sono stati incrementati di numero rispetto ai precedenti e sono nove in tutto, tra cui alcune camere più performanti e dotate di zoom ultima generazione, che sono state montate su un palo ad un altezza di circa otto metri e le altre disposte sui container della zona delle cucine.

“Vedono la coda di una nutria a 100 metri di distanza” ha affermato il sindaco di Pescate, Dante De Capitani, che ha poi proseguito: “Con queste telecamere salgono a settanta le apparecchiature di videosorveglianza sul territorio di Pescate e cioè una ogni 31 abitanti.

Intanto uno dei ragazzini responsabile del danneggiamento e asportazione delle telecamere e proprio dalle telecamere individuato,  ha scritto una lettera di scuse al sindaco manifestando pentimento per l’azione intrapresa. Al di là della lettera che ho apprezzato è chiaro che sia lui che gli altri ragazzini dovranno prendersi carico delle loro responsabilità e le famiglie ripagare i danni subiti dalla collettività.

Mi dispiace che due di questi ragazzini siano proprio di Pescate,  cresciuti qui da noi, in un ambiente a misura di bambino e nonostante questo hanno dimostrato col loro gesto di non avere a cuore il proprio paese. Questa è la cosa che mi rammarica di più di questa vicenda, ma voglio anche credere che facciano tesoro di questa esperienza e che il pentimento li aiuti a diventare uomini veri.”