I Consigli Generali di Confindustria Bergamo e Confindustria Lecco e Sondrio hanno deliberato consensualmente di non dar seguito al percorso di fusione fra le due Associazioni avviato a gennaio 2021 che avrebbe dovuto concludersi nel 2022. Facendo proprie le attente analisi e valutazioni da parte della Commissione istituita per definire gli aspetti statutari, regolamentari e organizzativi, i due Consigli hanno sospeso il progetto di fusione integrale, ma hanno espresso la volontà di proseguire la collaborazione sui progetti comuni individuati dalla Commissione, confermando l’interesse allo sviluppo delle sinergie tra le due territoriali che verranno ulteriormente ampliate nei prossimi mesi.

“Il progetto, – sottolinea il presidente di Confindustria Bergamo Stefano Scaglia – basato sulla forte interconnessione dei territori interessati, puntava a creare una realtà associativa ancora più efficace e incisiva, valorizzando competenze e conoscenze. I lavori sin qui svolti hanno evidenziato tutta la complessità del processo di integrazione avviato, in particolare, condivisa la necessità di una rappresentanza che garantisse interlocuzione e prossimità a imprese e istituzioni locali, non è stato individuato un modello considerato efficace da entrambe le parti. Parallelamente, a conferma delle premesse da cui siamo partiti, sono però emersi molti temi su cui si lavorerà nei prossimi mesi per realizzare sinergie, sia sul fronte dei servizi -in particolare nell’ambito della formazione- sia sul fronte delle infrastrutture, oltre ad altre importanti opportunità legate ad eventi come le olimpiadi invernali di Milano Cortina”.

“Questi mesi sono stati utili per una maggiore conoscenza reciproca – evidenzia il presidente di Confindustria Lecco e Sondrio, Lorenzo Riva – e per avere conferma del fatto che, forti anche dei molti punti che accomunano i tre territori manifatturieri, potremo continuare a confrontarci per portare avanti iniziative comuni e finalizzate a favorire la crescita delle imprese. Certamente all’orizzonte non mancano le sfide, ma sono molte anche le occasioni e la nostra Associazione è preparata ad affrontare le prime e cogliere le seconde assieme alle aziende associate, sostenendone lo sviluppo grazie alle sue competenze e pronta ad investire anche in progetti sovra-territoriali per il raggiungimento di obiettivi mirati”.