Il Comune di Lecco aderisce e partecipa alla Marcia PerugiAssisi della pace e della fraternità in programma domenica 10 ottobre. All’insegna del motto di don Lorenzo Milani “I Care”, la manifestazione sarà un’occasione per accendere un riflettore sulle numerose fratture aperte nella società civile e promuovere la capacità di prendersi cura gli uni degli altri e del pianeta. La Marcia si svolgerà a 60 anni dalla prima edizione organizzata da Aldo Capitini, instancabile promotore della cultura della responsabilità e della non violenza, e sarà l’occasione anche per ricordare Gino Strada, operatore di pace fondatore di Emergency recentemente scomparso.

In rappresentanza del Comune di Lecco, parteciperanno alla Marcia l’assessore al Welfare Emanuele Manzoni e il consigliere comunale Matteo Ripamonti. Il viaggio e la camminata saranno condivisi con i ragazzi, le ragazze e i volontari del progetto Crossing della “Comunità di via Gaggio”, per dare ancora più valore e significato a questa esperienza. Il progetto Crossing opera nel nostro contesto cittadino e sostiene il processo di crescita dei nostri e delle nostre adolescenti che imparano a prendere parola, su di sé e sulla propria vita, e a misurarsi con la realtà nelle loro relazioni personali e sociali che li definisce come cittadini.

“Lecco aderisce con convinzione a questa manifestazione – spiega l’assessore al Welfare del Comune di Lecco Emanuele Manzoni – che nasce per sensibilizzare i cittadini, promuovendo il concetto di Cura che è molto caro alla nostra comunità. Partecipare alla marcia con i ragazzi e le ragazze del progetto “Crossing” acquista poi un valore simbolico importante perché significa aprire un dialogo su questi temi quanto mai urgente e necessario con i giovani che sono il futuro della nostra comunità. Questa è la condizione necessaria per costruire una società che faccia della cura dell’ambiente e delle persone, dell’inclusione e dell’attenzione agli altri un tratto caratteristico del proprio agire”

La partenza della Marcia è prevista per le 9 da Perugia, ai Giardini del Frontone; la conclusione nel pomeriggio ad Assisi, alla Rocca Maggiore.