Lecco, 23 settembre 2021 – Il progetto di Teleriscaldamento convince tutti e tre i comuni direttamente coinvolti.
Negli scorsi giorni Silea ha reso noto la nomina di Varese Risorse SpA quale promotore per la progettazione e realizzazione del progetto.

Mauro Gattinoni, Sindaco di Lecco: “Quello che Varese Risorse ha elaborato, accogliendo le richieste dell’Assemblea dei Soci di Silea, è un progetto innovativo e di grande attualità. Rispetto all’ipotesi precedente, sfrutta al meglio le risorse energetiche e termiche che già esistono sul territorio e le mette a disposizione di famiglie, uffici ed aziende con il principio del “Km 0”. Promuove la riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera, accompagnando la crescita sostenibile del nostro territorio da un punto di vista economico, sociale e ambientale”.

Flavio Polano, Sindaco di Malgrate: “Il processo che ha portato Silea a nominare Varese Risorse quale promotore – e più in generale il progetto del teleriscaldamento – è una storia lunga, condotta sempre da Silea all’insegna del massimo rigore procedurale. È una grande opportunità per il nostro territorio. Per i cittadini, in particolare, perché i condomini e le attività economiche pubbliche e private potranno usufruire di energia pulita e sicura. La presenza di Silea nella società di gestione ci permetterà di poter influire sulle scelte strategiche future”.

Antonio Rusconi, Sindaco di Valmadrera: “I Comuni Soci di Silea, e in particolare quelli interessati al tracciato del teleriscaldamento, hanno ricevuto tutte le garanzie anche in termini di sicurezza sui lavori che interesseranno la realizzazione dell’opera e per ridurre gli impatti sulla vita quotidiana dei cittadini. Sarà fondamentale che venga garantito, come assicurato, un dialogo continuo con le Amministrazioni, anche per identificare gli edifici pubblici che potranno collegarsi con questa nuova opportunità strategica per il futuro del nostro territorio”.

IL PROGETTO
iL progetto di teleriscaldamento prevede la realizzazione di due poli di produzione.

CALEOTTO
Il primo polo sarà localizzato NEL sito industriale di Caleotto a Lecco dove è prevista una capacità di produzione calore incentrata sul recupero dei cascami termici derivanti dal processo produttivo di laminazione e sulla cogenerazione, cui si aggiungerà una serie di pompe di calore in grado di sfruttare l’energia termica attualmente dissipata nelle acque del fiume Adda. Il progetto prevede inoltre la possibilità di realizzare un impianto solare termico, sfruttando una superficie di circa 2500 mq.

TERMOVALORIZZATORE
Il secondo polo sarà localizzato nell’area di Silea a Valmadrera, dove è previsto – fino alla scadenza della vigente AIA nel 2032- il massimo recupero termico derivante dal processo di termovalorizzazione dei rifiuti, sfruttando il calore prodotto dall’impianto attualmente dissipato in atmosfera.
In un’apposita area è prevista l’installazione di impianti termici di back-up e di integrazione della capacità produttiva, per far fronte agli incrementi dei fabbisogni e per i periodi di manutenzione del termovalorizzatore.

DOPO IL 2032
A partire dal 2032, tutti gli impianti di produzione termica a servizio del teleriscaldamento saranno alimentati esclusivamente a biometano ed energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili certificate. Saranno inoltre avviate collaborazioni con aziende del territorio per il recupero termico dai processi produttivi in uso.
Come richiesto dai Soci di Silea, la società di progetto si è impegnata a sviluppare, dove possibile, reti di teleriscaldamento a bassa temperatura in accordo con la rigenerazione urbana e la pianificazione urbanistica dei Comuni interessati dall’iniziativa.

LA RETE
La rete si svilupperà in contemporanea dai due siti produttivi e sarà complessivamente estesa per 24 chilometri, di cui 7 chilometri nel Comune di Valmadrera, 4 chilometri nel Comune di Malgrate e 13 chilometri nel Comune di Lecco. È previsto l’attraversamento dell’alveo del fiume Adda a partire dal 2026.

INVESTIMENTI
Il quadro economico attualmente prevede un investimento complessivo pari a 37 milioni di Euro, che, grazie alla soluzione del Project Financing, sarà sostanzialmente a “costo zero” per Silea: “Si tratta di un patrimonio aggiuntivo di infrastrutture per il territorio lecchese che verrà realizzato dalla società di progetto” ha sottolineato il presidente Salvadore, che ha concluso: “Desidero ringraziare tutti coloro che in Silea hanno lavorato con dedizione a questo progetto, permettendoci di raggiungere questi risultati inimmaginabili anche solo qualche tempo fa. Un grazie particolare anche ai comuni Soci, con cui abbiamo condiviso passo dopo passo questo progetto strategico”.

IL VIA AI CANTIERI
Nel primo semestre 2022 si darà inizio all’avvio dei cantieri dell’intervento, con la conclusione degli iter autorizzativi necessari ad avviare l’opera. Per il completamento dei siti produttivi occorreranno circa 2 anni, mentre la rete si svilupperà in 5 anni in ragione dello sviluppo del piano commerciale di acquisizione dell’utenza e terminerà con l’attraversamento del fiume Adda.