Lecco, 3 giugno 2021 – Sarà il coro “Pontanima” di Sarajevo l’ospite d’onore della 14^ edizione del Festival di Cori Giovanili “Giuseppe Zelioli”, che si svolgerà a Lecco dal 2 al 4 luglio prossimi nell’ambito del Progetto dell’Unione Europea “WeBeUnited” (Western Union and Western Balkans United).

Dopo la sospensione forzata nel 2020, a causa della pandemia, quest’anno l’Associazione Harmonia Gentium, cui si deve l’ideazione e l’organizzazione della prestigiosa rassegna,ha deciso di raccogliere la sfida ideando un programma eterogeneo e innovativo, con eventi sia in presenza, sia multimediali. Un’edizione straordinaria, dunque, che proporrà due concerti in presenza, aperti al pubblico: il primo la sera del 2 luglio nella Basilica di San Nicolò, emblema della sacralità e dello spirito della manifestazione, mentre il secondo avrà come location l’incantevole Palazzo Belgiojoso (domenica alle 21), a conclusione della tre giorni.

E ancora la proiezione su maxi schermo in piazza Garibaldi (sabato 3 luglio alle 21)di un emozionante video con le esibizioni dei sette Cori che partecipano al Festival Zelioli 2021. La Santa Messa Solenne delle ore 10, di domenica 4 luglio nella Basilica di San Nicolò costituisce l’anima del Festival. Durante la celebrazione sarà eseguitala Messa “Gratias Agimus Tibi” a 3 v.d. op. 462 di Giuseppe Zelioli cantata dal coro Pontanima, mentre le parti in canto Ambrosiano e alcuni brevi mottetti saranno eseguite dal coro Licabella di La Valletta Brianza diretto da Floranna Spreafico in presenza, mentre gli altri 6 cori del Festival animeranno in streaming alcuni momenti della celebrazione, (Ingresso, Comunione e finale).

Da evidenziare che tutti gli appuntamenti saranno trasmessi in diretta streaming sul canale YouTube di Harmonia Gentium. “Il nostro obiettivo primario – dichiara il Cav. Raffaele Colombo, presidente dell’Associazione – consiste nell’incoraggiare i musicisti e i cantori a proseguire nel percorso artistico e culturale intrapreso, nella certezza che la musica, soprattutto nel momento attuale, abbia lo scopo di alleviare situazioni di difficoltà e infondere speranza. Con vivo entusiasmo abbiamo così deciso di riproporre la rassegna, che riserverà molte sorprese e autentiche chicche, considerato che abbiamo commissionato al direttore artistico del Festival, il Maestro PierAngelo Pelucchi, e al direttore del Pontanima, il Maestro Emir Mejremic, di realizzare alcune composizioni appositamente per la nostra manifestazione lecchese”.

Come detto, sarà il Coro Pontanima l’ospite d’eccezione di questa rassegna 2021. Fondato a Sarajevo nel 1996 con la finalità di unire e generare pace dopo la feroce guerra nei Balcani, che ha contrapposto fedi e etnie diverse, si distingue per essere costituito da cantori appartenenti a più religioni (cattolica, ortodossa, ebraica, islamica).

La compagine bosniaca, per l’alto valore del messaggio che rappresenta e per la qualità musicale che sa esprimere, si è aggiudicata numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui, il “Premio per la Pace” attribuito dal Centro per la Comprensione Interreligiosa di Tanenbaum, il premio “Pax Christi” e quello della Fondazione Chirac e consegnato dall’allora presidente della Repubblica francese François Holland. I dettagli della programmazione, e delle anteprime assolute che troveranno spazio nel corso del Festival Zelioli, verranno presentati in una prossima conferenza stampa a cura del Comune di Lecco. La partecipazione ai concerti, anche quest’anno, è totalmente gratuita, grazie ai contributi di Unione Europea, al patrocinio e contributo del Comune di Lecco, Regione Lombardia, Fondazione Comunitaria del Lecchese, Caritas Ambrosiana (con i patrocini del Pontificio Consiglio della Cultura, della Parrocchia di San Nicolò), che tuttavia coprono solo parte dei costi necessari a fare fronte alle spese organizzative, logistiche e di remunerazione degli artisti.

“Essenziale e prezioso è il lavoro di molti volontari – conclude il presidente di Harmonia Gentium, Raffaele Colombo – così come il supporto economico delle istituzioni ai vari livelli. Ma contiamo anche sulle donazioni della cittadinanza. Qualsiasi importo contribuirà a far vivere il Festival e a creare un’importante occasione di comunione per la comunità lecchese e di apertura al mondo”. Per sostenere il Festival: https://assmushg.wixsite.com/festivalzelioli/sostienici