Colico, 30 aprile 2021 – La lista Colico per Tutti ha ufficializzato la propria partecipazione alle prossime elezioni scegliendo l’ex sindaco Raffaele Grega come proprio candidato.

Dopo cinque mesi di visibilità mediatica e social, di ascolto e confronto con tanti nostri concittadini e avvicinandosi la scadenza elettorale, il Movimento Colico di Tutti (CdT) ha sciolto ogni riserva e conferma la propria presenza nella competizione elettorale alle prossime elezioni amministrative a Colico.

CdT crede fortemente che Colico abbia assoluta necessità di un cambiamento nel modo di pensare e amministrare la nostra comunità! CdT ritiene che non sia possibile raggiungere questi obiettivi attraverso strategie che hanno solo lo scopo di emarginare figure di indiscusso valore etico e morale, nascondendosi dietro generiche affermazioni quali rottura con il passato. Luoghi comuni che troppo spesso trovano alloggio in certa politica che tutti purtroppo conosciamo e non vorremmo più vedere.

CdT ritiene pertanto che Raffaele Grega possa essere garante dei valori espressi dal movimentocosì come peraltro possono esserlo altre personalità e risorse all’interno dello stesso. Ci rivolgiamo a tutte le persone di buona volontà di Colico, che si riconoscono nella nostra carta dei valori di estrazione progressista (pubblicata il 15/12/2020 sulla pagina fb del movimento), perché condividano il progetto colico 2.0, che riporterà il cittadino colichese al centro di una visione di paese dove prevalgano la qualità di vita, i servizi alla popolazione, la salute, gli asili nido, l’attenzione all’anziano, la viabilità sostenibile, un turismo disciplinato e portatore di ricchezza e lavoro, una tutela del territorio, del verde e del bene comune.

Il nostro movimento è dalla fondazione inclusivo, non pone veti a nessuno, pensa unicamente al bene di Colico, rifiuta i conflitti d’interesse e calcoli politici. C.d.T. costruirà un programma rispettoso delle esigenze della popolazione e non demagogico, che condividerà con i cittadini, che incontreremo il prima possibile nel rispetto delle regole imposte dal governo per la tutela della salute pubblica