Due mattinate intense di controlli da parte della polizia locale intercomunale sulla ciclopista a lago di Pescate.

“Come avevo chiesto al comandante Chiara Fontana – spiega il sindaco De Capitani – due agenti in borghese hanno presidiato i parchi a lago controllando le aree gioco bimbi, i ciclisti e i proprietari di cani al fine di far rispettare codici e regolamenti. Anche io ho seguito i controlli insieme al Comandante, nell’intera mattinata di sabato. Sanzionare i ciclisti comporta la presenza di personale preparato e soprattutto determinato, visto che non avendo targa le biciclette, risulta non sempre facile risalire alle generalità dei conducenti. Per ovviare a possibili false dichiarazioni di ciclisti che avevano dimenticato i documenti abbiamo istituito un filo diretto con la banca dati tramite i nostri uffici per verificare le generalità”.

Nei controlli di venerdì mattina comminate 3 sanzioni ai ciclisti che hanno compiuto manovre giudicate spericolate o senza campanello su 25 controllati, mentre nella giornata di oggi le sanzioni sono state 18 su 65 controlli. L’importo delle sanzioni comminate ai ciclisti varia da un minimo di 26 euro per quelli senza campanello a 42 euro per velocità non commisurata alle condizioni ambientali a 100 euro per violazioni del regolamento polizia locale. Quasi tutti i ciclisti provenivano dal monzese o dal milanese.

“Ciclisti con Bici da corsa e mountain bike sono stati quelli più indisciplinati, e questo e’ un punto da considerare in vista di possibili restrizioni ai ciclisti sulla ciclopedonale a lago. Nessuna sanzione invece ai numerosi proprietari di cani che, dopo le pesanti multe comminate nei giorni scorsi, avevano tutti guinzaglio e sacchetto al seguito”.