Lecco, 14 aprile 2021 – I giovani della Croce Rossa di Lecco hanno proposto alle scuole primarie e secondarie di primo grado della città un contest dal titolo “Cittadinanza Attiva in Pandemia” organizzato dal comitato regionale Croce Rossa Lombardia; un’occasione che ha permesso di unire le forze e far riflettere i più giovani su tematiche sociali e scientifiche molto sentite dalla comunità di oggi.

A questa sfida hanno risposto le scuole primarie E. Toti (Maggianico), Torri Tarelli (Chiuso), E. De Amicis (Lecco), La Nostra Famiglia (Lecco), G. Oberdan (Belledo), G. Marconi (Pescate) e la scuola secondaria di primo grado A. Stoppani (Lecco).

Ogni scuola primaria ha creato una breve storia fatta di immagini, affrontando tematiche quali l’inclusione sociale, il supporto interpersonale, il dono, la gratuità, producendo elaborati dal tema “distanti ma molto vicini”, mentre il progetto della fascia d’età media ha visto la creazione di un volantino sui comportamenti che sottovalutiamo ma che ci mettono a rischio.

Tra i numerosi progetti ricevuti ne sono stati selezionati due per essere inviati al Comitato Regionale di Croce Rossa: per la fascia elementare, è stato scelto l’elaborato “Distanti ma vicini…. anche noi possiamo!” delle classi IV A, IV B e V della scuola primaria “E. De Amicis” di Lecco; per la fascia media, il volantino proposto dall’alunno della classe I A della scuola secondaria di primo grado “Antonio Stoppani” di Lecco.
Tali elaborati concorreranno con i progetti inviati dagli altri comitati lombardi e il vincitore a livello regionale verrà dichiarato in data 8 maggio 2021 in occasione della Giornata Mondiale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

Dal momento che la partecipazione al concorso da parte della scuola primaria è stata numerosa, sono stati assegnati internamente un secondo e un terzo posto agli elaborati della classe II e V della primaria “G. Marconi” di Pescate.
«Esprimiamo il nostro più sentito ringraziamento per la vostra preziosa e attiva partecipazione al Contest “Cittadinanza Attiva in Pandemia”. Siamo stati piacevolmente sorpresi ed entusiasti di aver ricevuto così tanti progetti, ognuno dei quali pensato e preparato nei minimi dettagli. Ci auguriamo che questa collaborazione sia stata vera occasione educativa, mezzo per avvicinare i più giovani al mondo Croce Rossa».