Casargo, 30 gennaio 2021 – Antonio Pasquini, sindaco di Casargo. è intervenuto sui contributi che il Comune ha erogato per sostenere le piccole e medie imprese del territorio.
Antonio Pasquini sindaco di Casargo

“Ci siamo lasciati alle spalle un annus horribilis – ha commentato Pasquini- la pandemia ha spiazzato completamente il nostro modo di vivere portando conseguenze catastrofiche e inaspettate sul tessuto sociale ed economico. Il nostro paese non è stato immune dalla pandemia, si sono registrati diversi casi e purtroppo anche due decessi legati al Covid-19. Questa situazione non è ancora terminata ma bisogna essere ottimisti e proattivi per reagire e continuare a essere una comunità che si sostiene, non sono mancati tenui segnali positivi per i centri secondari, che grazie ad internet e nuove tecnologie hanno un’ importante opportunità da giocare, tendenza che si è osservata in diverse parti d’Italia.”

Ha continuato il sindaco di Casargo: “Nel 2020 proprio per sostenere il nostro tessuto socio – economico abbiamo attuato una serie di interventi concreti. Per esempio siamo soddisfatti di aver garantito ai bambini della scuola primaria, con risorse comunali, un bonus per l’acquisto di materiale didattico del valore di 30 euro, elevato a 60 euro per i bambini della classe prima della scuola secondaria di primo grado che ha creato un indotto per le attività del nostro territorio di euro 2.550,78 (finanziati da Comune di Casargo per euro 1.680,78 – Comune di Margno per euro 540,00 – Comune di Crandola Valsassina per euro 330,00).  Inoltre continua il vicensindaco – abbiamo cercato di mettere in atto un sistema di economia circolare con buoni attivati con risorse comunali del valore complessivo di euro 600, da spendere sul territorio e invitiamo i cittadini a sostenere il nostro tessuto economico avvalendosi per gli acquisti e le manutenzioni di esercizi commerciali e di artigiani locali. Lo stesso abbiamo fatto, con risorse statali, per i voucher sociali per le famiglie in difficoltà per un importo di euro 10.720,94.”
Anche Wilma Berera, vice sindaco e assessore al Bilancio e alla Cultura, ha commentato la situazione: “La scorsa estate abbiamo beneficiato di un turismo di prossimità. Purtroppo le restrizioni a singhiozzo sugli spostamenti di questi ultimi mesi ci hanno penalizzato in un inverno molto nevoso che sarebbe stato di grande richiamo, però vedendo il bicchiere mezzo pieno è evidente un forte interesse verso la montagna e le attività outdoor in genere, tendenza senz’altro da monitorare e sfruttare come linfa per tutta l’Alta Valsassina.”
Wilma Berera ha anche spiegato spiega come il comune abbia rinunciato a parte delle entrate per sostenere le imprese, abbattimento della Tari, nell’ordine del 25%, pari ad euro 4.439,37 e rinuncia dei canoni per gli affitti degli immobili comunali commerciali per i mesi interessati dalle chiusure dal 01/03/2020 al 30/04/2020 pari ad euro 634,10.
Così ha dichiarato Piergiacomo Acerboni, assessore all’edilizia privata e agricoltura: “Per le piccole imprese, in aggiunta ai contributi stanziati da Stato e Regioni, abbiamo attivato prontamente il bando riservato ai comuni delle Aree Interne che ci permetterà di erogare nelle prossime settimane 22.487 euro a 48 imprese beneficiarie, un piccolo ma significativo segnale di sostegno e attenzione, inoltre a questo si aggiungono i fondi del distretto del Commercio riservati a diversi operatori economici del territorio per un importo pari a euro 36.505 su euro 100.000 a disposizione dell’intero distretto, che andranno a soddisfare  10 progetti  che genereranno investimenti per circa euro 178.000.”
“Per il 2021 continueremo a sostenere le nostre attività -concludono gli amministratori- abbiamo già in progetto alcune iniziative da far partire nei prossimi mesi, la sfida è ardua, ma non chiama in causa solo noi, ma tutti, indistintamente, il territorio cresce ed è forte solo se è coeso e unito con l’aiuto e il contributo di tutti i cittadini.”