Lecco, 13 gennaio 2021 – Un progetto che piace ai lecchesi e che dà una risposta semplice, ma concreta, a un’esigenza della comunità, ancora più accentuata in questa fase di emergenza. Proprio per questo i panificatori di Confcommercio Lecco, guidati dal presidente Gianpiero Nucera, hanno espresso la volontà di continuare nel progetto del “Pane sospeso”, rinnovando ancora una volta la loro disponibilità a proseguire nell’azione benefica, che punta ad aiutare, grazie all’acquisto e al dono del pane, i più bisognosi. La decisione, presa nelle scorse settimane, è stata infatti quella di portare avanti l’iniziativa, lanciata per la prima volta nell’autunno 2017, almeno fino al mese di luglio 2021.

Il Progetto “Pane Sospeso” – nato all’interno del Patto di Comunità siglato tra Comune di Lecco e Confcommercio Lecco – si articola in due fasi: il cliente che entra in uno nei negozi coinvolti dal progetto può acquistare un quantitativo anche minimo di pane che lascia “in sospeso” presso il punto vendita stesso; le associazione benefiche coinvolte, che sono Caritas e Croce Rossa Italiana, si fanno carico del ritiro del pane presso i negozi aderenti in alcune determinate giornate e lo distribuiscono ai bisognosi da loro seguiti.

I numeri del progetto sono indubbiamente significativi. Tra quanto viene raccolto per la Croce Rossa Italiana di Lecco, che viene rifornita un giorno a settimana, e quanto destinato tutti i giorni alla Caritas di Lecco, si arriva a circa 30 kg di pane donati alla settimana.

I negozi aderenti (associati a Confcommercio Lecco che organizza e coordina il progetto “Pane Sospeso”) sono i seguenti: Panificio Negri di corso Matteotti 65; Panificio Sartor di via Partigiani 33; Panificio Ciresa di via Capodistria 18 e di via Petrarca 49; Delikatessen di via Malpensata 2; Linfarinata di via Bovara 7; Alimentari Valseschini di via Paisiello 28; Dolce Forno di corso Emanuele Filiberto 68; Panificio Vaccani di via Belfiore 13; Il Pane di Gianola di via Tonio da Belledo 27.