12 gennaio 2021 – È il terzo anno consecutivo che nei Balcani, lungo la rotta che viene percorsa da profughi provenienti principalmente da Afghanistan e Pakistan, si consuma un’emergenza umanitaria alle porte dell’Europa.

Da anni alcune associazioni del territorio lecchese si sono attivate per dare una mano alle associazioni umanitarie che operano nei territori più percorsi dai migranti. Tra queste, il Circolo Arci Spazio Condiviso di Calolziocorte, che proprio in questi giorni ha lanciato una serie di iniziative per far sentire la propria presenza in una situazione che si fa giorno per giorno sempre più drammatica a causa delle temperature che toccano i -10 gradi.

Martedì 19, mercoledì 20 e giovedì 21 saranno raccolti, dalle 17 alle 19.30 presso la sede del Circolo, scarponcini di taglia 41 e più, giacche da uomo invernali e sacchi a pelo. Parallelamente, sarà possibile effettuare una donazione alla rete RiVolti Balcani, utilizzati per supportare azioni locali in Bosnia.

Ulteriori informazioni al link: https://www.facebook.com/circoloarcispaziocondiviso/photos/a.726051387565648/1653997624771015/

Di seguito, l’intervista che abbiamo realizzato con Corrado Conti, referente del circolo arci Spazio Condiviso: