Dervio, 22 dicembre 2020 – La Polizia Locale Alto Lario intercetta, identifica e sottopone a fermo uno straniero irregolare e pluripregiudicato, impedendone il programmato matrimonio di comodo con una cittadina Derviese

Le donne e gli uomini della Polizia Locale Associata Alto Lario (Colico, Dorio, Dervio, Valvarrone e Sueglio), nei giorni scorsi, avendo avuto notizia della presenza sospetta nel paese di Dervio di un extracomunitario sconosciuto, svolgevano delle celeri ed efficaci indagini che permettevano di intercettarlo e di fermarlo. Lo stesso, un marocchino di 33 anni, risultava privo di documenti validi per soggiornare in Italia e per attestare il suo ingresso regolare nel paese.

Si procedeva dunque informando l’Autorità Giudiziaria e procedendo all’accompagnamento coattivo presso l’Ufficio Immigrazione della Questura di Lecco, la cui importante e preziosa collaborazione ha permesso, sottoponendolo a rilievi fotodattiloscopici e confronti con le banche dati, di accertare che lo stesso straniero risultava un pluripregiudicato identificato con diversi alias nel passato e destinatario di 2 decreti di espulsione mai ottemperati. Previa l’esecuzione di tutti gli accertamenti sanitari utili, quindi lo straniero è stato così trasportato presso un centro di Identificazione, espulsione e rimpatrio.

Le successive indagini hanno fatto emergere che lo straniero si trovava in Dervio per contrarre un programmato matrimonio di comodo con una cittadina Derviese, su cui si stanno concentrando ora gli accertamenti. In ogni caso il presidio e la conoscenza del territorio degli uomini e delle donne della Polizia Locale, la cui prossimità con la cittadinanza li contraddistingue sempre di più, hanno permesso per l’ennesima volta di assicurare alla giustizia e di allontanare un pericoloso soggetto dalla comunità.