Lecco, 22 dicembre 2020 – Auser Leucum Lecco, Legambiente Lecco, Istituto tecnico Badoni lanciano il progetto “Giovane chi legge”.

L’intervento che si vuole realizzare
Il progetto nasce da tre considerazioni: la 1° il riconoscimento dei benefici della lettura a tutte le età che aiuta ad aprire la mente e a renderla elastica, la 2° la condizione degli anziani che spesso con l’avanzare dell’età perdono l’abitudine di leggere (dati Istat confermano come la lettura sia in forte calo) e, pur rimanendo attivi, desiderosi di nuove esperienze, con il desiderio di ascoltare e interagire, vivono talvolta situazioni di isolamento (indagine CGIL-SPI 2020 prov LC), la 3° l’importanza di legami intergenerazionali.

Le ricerche degli ultimi 20 anni hanno evidenziato gli effetti positivi della lettura circa il mantenimento di alcune competenze e di alcune funzioni e processi cognitivi. Libro e interazione per gli anziani possono quindi diventare strumenti preziosi andando a costituire antidoti alle sensazioni di vuoto, di solitudine, di inutilità causati dalla diminuzione di impegni e, a volte, da presenze saltuarie degli affetti, acuiti in questo periodo di pandemia.

Gli obiettivi che si intendono raggiungere
Accrescere l’abitudine alla lettura e alla discussione; aumentare il protagonismo e migliorare i rapporti intergenerazionali, favorendo gruppi di lettura attivi e autonomi sul territorio. Migliorare la condizione emotiva della popolazione over 65 sostenendola soprattutto in questo periodo più complicato anche con innovativi interventi di vicinanza e sostegno attraverso la “videotelefonia” duale e multipla, creando così momenti di contatto e di condivisione per leggere insieme e scambiare opinioni e idee con altre persone.

Favorire lo scambio intergenerazionale, il libro è un ponte tra anziani e giovani e può permettere di instaurare relazioni reciprocamente soddisfacenti. Gli studenti coinvolti nel progetto possono imparare a rapportarsi con gli anziani e ad ascoltare le loro esigenze, sperimentando l’empatia e imparando a sintonizzarsi con un mondo distante da loro; gli anziani possono mettere a disposizione il loro sapere e la loro conoscenza sentendosi ancora attivi.

Gli aspetti operativi del progetto

La fase iniziale del progetto prevede gruppi di lettura specifici che veicolino la fruizione di libri e quotidiani. Grazie agli alunni dell’Istituto Badoni e ai loro insegnanti, verranno condotte letture in rete dei Promessi Sposi e si stimolerà la creazione di gruppi di lettura sostenuta dai volontari Auser in collaborazione con la scuola e alcuni giornali locali. Dai gruppi lettura in rete agli incontri con gli autori: questa attività prevede la presentazione della propria opera da parte degli scrittori che incarnano poi il ruolo di veicolante nella conduzione di letture e dibattiti sui propri testi.

L’importanza di stimolare nuove forme di fruizione e avvicinamento al libro coincide con la lettura del territorio, il suo paesaggio e la natura (attività di Legambiente): il terzo slot di attività prevede diversi eventi sul territorio tra cui trekking urbani con tappe di lettura teatrate o musicate, eventi di lettura pubblica in luoghi suggestivi, flash mob e letture di libri a tema naturalistico-ambientale.

I risultati che si vogliono conseguire

  • Accrescere l’abitudine alla lettura e alla discussione tra i beneficiari;
  • Accrescere il protagonismo dei beneficiari;
  • Migliorare i rapporti intergenerazionali attraverso la lettura, facendo in modo che a fine progetto siano attivi gruppi di lettura autonomi, basati su reti consolidate ed in espansione;
  • Migliorare il quoziente di genere tra i lettori oggi squilibrato sul sesso femminile;
  • Accrescere la sensibilità ambientale dei partecipanti verso stili di vita più sostenibili e a contrastare l’emergenza climatica in corso;
  • Coinvolgere con metodi innovativi (flashmob, letture pubbliche musicate o teatrate) la diffusione della lettura nelle zone della città più marginali o degradate portandoci la cultura per poterle così valorizzare e rivitalizzare;
  • Auser e gli altri soggetti del Progetto potrebbero supportare i gruppi di lettura anche dopo la fine del Progetto stesso.

I fruitori del progetto
I beneficiari sono diversi: il focus degli interventi mira principalmente a stimolare la lettura negli anziani, nella fascia di età che si attesta dai 65 anni in su, che i dati Istat evidenziano come “più problematici”.

Nondimeno, le figure fondamentali per la buona realizzazione del progetto, quali gli studenti e i loro insegnanti, i volontari delle associazioni coinvolte, i frequentatori di librerie e biblioteche e tutte le persone raggiunte dalle varie attività (cittadini di zone marginali della città e partecipanti ai flash mob, trekking urbani) sono al tempo stesso fruitori e potenziali agenti che veicolano l’importanza della lettura.

Sostenibilità ambientale alla lettura
Si è scelto di lavorare in partnership con Legambiente perché si vuole mirare ad una visione di sostenibilità che non si limiti ai temi ambientali ma che contamini anche il mondo sociale ed economico, solo in questo modo si può puntare a trasformare la società verso stili di vita più civili, consapevoli e rispettosi dell’ambiente. Per Legambiente è infatti già consuetudine organizzare ogni evento, progetto o azione territoriale tenendo in considerazione i fornitori a cui si sceglie di appoggiarsi (prediligendo quindi materie prime biologiche, produzioni locali, materiali compostabili, carta FSC).

Si organizzerà una mobilità sostenibile per raggiungere i punti di incontro promuovendo spostamenti a piedi, in bici, con TPL o tramite car-pooling. Ridurre l’impatto di eventi culturali prevedendo anche in questi casi una corretta differenziazione e smaltimento dei rifiuti e altri aspetti già citati in precedenza è un ottimo modo per stimolare i partecipanti ad essere consumatori più verdi.