Lecco, 21 dicembre 2020 – Quando ingegno e solidarietà fanno rima con generosità. La carovana del sorriso, sodalizio lecchese con 11 anni di vita ha dato del suo meglio sabato 19 dicembre inventandosi un evento che superasse i DPCM, le restrizioni e il distanziamento. Stavolta è il caso di dire che la solidarietà ha unito volontari,sostenitori e amici de “La carovana del sorriso”.

La cena diffusa organizzata grazie all’aiuto del ristorante Giardino, del panificio Ciresa e di molti amici ha superato qualsiasi aspettativa degli organizzatori nonostante gli stessi fossero abituati a cene di beneficenza con alta presenza. Il tutto è partito con 14 volontari con a capo l’olimpionico Antonio Rossi dal ristorante “Il Giardino”  che ha confezionato la bellezza di più di 170 dinner box contenenti primo, secondo, panettone e prosecco.

I commensali, ognuno dislocato nella propria abitazione, hanno potuto godere di una deliziosa cena natalizia accompagnata da un regalino personalizzato e da una diretta Facebook partita alle 20:30 e condotta dalla conduttrice Katia Sala  in cui si è potuto conoscere meglio la asssociazione e ascoltare le testimonianze dei genitori adottivi dei bambini dell’orfanotrofio, del presidente dell’istituto alberghiero di Casargo, il redattore di videolina (emittente sarda) che hanno raccontato la nascita della collaborazione sarda e in finale il saluto di un volontario Antonio Rossi e del fondatore Beppe Mambretti che ha ringraziato i volontari, i benefattori e fatto gli auguri.

Il ricavato della cena è stato di 2300€ e sarà destinato alla costruzione del dormitorio San Nicolò presso il carovana charity village a Mabilioni nella regione del kilimangiaro in Tanzania Di fronte a tale generosità e partecipazione ha dichiarato il presidente Mambretti “ si resta sempre più sorpresi di quanto nonostante le difficoltà il cuore di Lecco batta forte di fronte a cause che non vedono confine”.