Lecco, 14 dicembre 2020 – re decenni di duro lavoro e risultati sempre entusiasmanti. Pagine indimenticabili della solidarietà lecchese, impegno travolgente dei volontari, una storia che racconta l’eccellenza di una provincia sempre in testa in termini di numeri e risultati per sostenere la ricerca scientifica. Questo e molto altro è il coordinamento lecchese di Fondazione Telethon, attualmente diretto da Renato Milani, portavoce di un capitolo scritto a caratteri cubitali e con il contributo di tutti, ma proprio tutti.

Ecco perché il capostipite di questa enorme impresa, Gerolamo Fontana, presidente in carica della sezione U.I.L.D.M. “Daniele Genazzini” di Lecco, approderà sulle reti nazionali della RAI per dire ancora una volta, a gran voce, che questo movimento sociale di sostegno alla ricerca non può fermarsi nemmeno a fronte di un drammatico anno per tutti, perché le malattie genetiche sono un’emergenza da molto più tempo, ed hanno bisogno dell’aiuto di tutti noi.

Ma Lecco sa, Lecco c’è. Ed il collegamento Skype, voluto dalla sfera televisiva della Maratona Telethon 2020, vedrà proprio il volto che per tutti noi rappresenta certezza, trasparenza, incoraggiamento, volontà. Gerolamo Fontana, nominato commendatore nel 2013 dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, da diversi anni è la voce in assoluto della solidarietà lecchese, aperto ai più ampi metodi di realizzazione di eventi e progetti per sostenere la ricerca, una vera e propria carica di energia dal contagio inequivocabile, spinto dalla sincerità e dalla concretezza in questi anni ha portato la lezione di Telethon e della solidarietà in tutte le scuole di ordine e grado della provincia parlando ad oltre 100.000 studenti. L’appuntamento sarà sulle reti Rai sabato 19 dicembre alle 11.07.

Sarà bello, sulla soglia di trent’anni di esperienza guidati da lui, seguire questo appuntamento, orgogliosi di appartenere ad un territorio che da sempre è un faro per la Fondazione Telethon e una risorsa sia in termini umani che creativi per la realizzazione di grandi imprese nell’assetto sociale.