Garlate, 11 dicembre 2020 – Dal pomeriggio di domenica 13 dicembre sarà possibile visitare il “Presepe di Garlate” realizzato come ogni anno da Angelo Burini nel suo giardino di via Valcavellino 61.

“Un mix straordinario di creatività, arte, fantasia, fede e solidarietà. In un anno di grande sofferenza e incertezza – dichiara Burini – ho sentito maggiormente la necessità di proseguire il mio impegno nel realizzare la rappresentazione della natività, coniugando l’atmosfera natalizia con la generosità verso il prossimo”.

Alle ore 15 è prevista l’inaugurazione organizzata nel massimo rispetto delle disposizioni vigenti e delle ormai consuete misure di sicurezza: mascherina, distanziamento, gel igienizzante. Alla breve cerimonia saranno presenti, oltre al “padrone di casa” Angelo Burini, il Sindaco di Garlate Giuseppe Conti, il parroco Don Matteo Gignoli e i referenti Telethon per la provincia di Lecco Renato Milani e Gerolamo Fontana, presidente Uildm Lecco.

L’evento sarà trasmesso in diretta sul canale Youtube 1972dmt al fine di consentire la partecipazione anche a coloro che per diversi motivi non potranno essere presenti (alcuni amici del presepe ad esempio risiedono in Valtellina e in Francia, località da cui provengono alcuni materiali utilizzati per la costruzione dell’opera).

La realizzazione del presepe, che ha visto la luce per la prima volta nei primi anni del terzo millennio, ha comportato un lavoro davvero straordinario durato centinaia di ore: a metà agosto era già visibile a tutti infatti il cantiere aperto da Burini, che come sempre cura i dettagli in modo quasi maniacale.

La Natività installata con grande impegno e passione rappresenta ancora di più oggi quel barlume di speranza per il ritorno ad una normalità e all’essenzialità della vita. E’ anche una delle poche iniziative natalizie organizzate sul territorio in questo periodo.

Come ormai avviene da alcuni anni la realizzazione del presepe è legata ad una operazione di solidarietà che impreziosisce ulteriormente il lavoro di Angelo Burini: le offerte raccolte dai visitatori e dalla sottoscrizione a premi abbinata all’esposizione, verranno devolute interamente alla Fondazione Telethon. Negli ultimi tre anni sono stati circa 5.000 euro i fondi raccolti grazie all’opera di Burini e donati per il sostegno della ricerca scientifica.

TELETHON
Renato Milani, coordinatore Telethon per la provincia di Lecco, racconta: “la Fondazione promuove anche quest’anno con grande volontà la consueta campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per finanziare la ricerca sulla distrofia muscolare e le altre malattie genetiche rare. In questo 2020, anno davvero importante in quanto ricorrono i 30 anni di Fondazione Telethon e i 29 anni dalla nascita del nostro gruppo di Lecco, purtroppo ci ritroviamo di fronte ad un periodo difficile per tutti nell’affrontare la perenne lotta al contenimento della diffusione del COVID-19.

Quello che doveva essere un anno speciale proprio per queste ricorrenze si è trasformato in un anno in cui il mondo intero si è fermato davanti alla pandemia ma le uniche che hanno continuato inesorabili il loro cammino sono proprio le malattie genetiche. La ricerca non può e non deve fermarsi.

Non possiamo permetterlo. È in momenti come questo che comprendiamo tutti, e in modo molto concreto, il valore universale della ricerca medico scientifica. Cerchiamo di non dimenticarlo proprio ora che abbiamo bisogno di superare questa fase così difficile. Ricordiamoci che Fondazione Telethon ha restituito la vita a più di cento bambini affetti dalle 6 malattie genetiche sconfitte da Telethon. Un numero che sicuramente è destinato a salire. Ridare la vita ad un bambino gravemente ammalato deve essere un dovere morale per tutti noi. Un grazie a voi che anche quest’anno avete portato in tavola il nostro panettone Telethon simbolo indiscusso di solidarietà e di bontà.

Avete anche quest’anno sostenuto con passione la nostra causa, una causa che riguarda tutti e che non ha mai smesso di essere un’emergenza. Questo significa aiutare le famiglie alle prese con una malattia ignota a ricevere una diagnosi certa nel minor tempo possibile e fare in modo che le cure sviluppate dai nostri ricercatori siano accessibili a sempre più bambini di tutto il mondo, anche durante la pandemia che ha aggravato tutte le dinamiche sanitarie e sociali”.

Il Presepe è allestito all’aperto nel giardino di casa Burini e sarà visitabile tutti i giorni in qualsiasi orario fino al 17 Gennaio 2021.
Chi volesse acquistare i biglietti della sottoscrizione può mandare un messaggio al nr. 3335414378. Per ulteriori info è possibile visitare la pagina Facebook “Presepe di Garlate”. Garlate, Dicembre 2020