Perledo, 10 dicembre 2020 – La Prefettura di Lecco fa sapere che domani venerdì 11 dicembre, saranno perfezionate le operazioni di rimozione dell’ordigno bellico rinvenuto lo scorso 1 dicembre sul territorio del comune di Perledo, in via alla Cava Alta.

Si tratta di una presunta granata di artiglieria, con ogni probabilità residuato bellico. L’intervento sarà eseguito a cura del 10° Reggimento Genio Guastatori di Cremona che, nei giorni scorsi, ha completato le operazioni propedeutiche di messa in sicurezza e consolidamento del sito di ritrovamento. Le fasi organizzative preordinate alla bonifica dell’ordigno sono state messe a punto nel corso di un incontro tenutosi mercoledì 9 dicembre in Prefettura che, ha definito il conclusivo piano d’intervento, reso esecutivo con ordinanza del Prefetto di Lecco Castrese De Rosa.

Alle attività operative che si succederanno nel corso della giornata concorreranno Forze di Polizia territoriali e locali, Vigili del Fuoco e personale medico sanitario del Croce Rossa Italiana.

La tabella di marcia
Non si è reso necessaria alcuna evacuazione poiché le abitazioni sono molto distanti rispetto all’area “rossa”, ricompresa nel raggio di 381 m sul piano orizzontale dal punto in cui è ubicato l’ordigno. E’ stata altresì circoscritta, pertanto, con apposita ordinanza del Sindaco del Comune di Perledo una zona soggetta a interdizione al transito e allo stazionamento all’aperto. Intorno alle ore 10:30, gli specialisti del 10° Reggimento Genio Guastatori eseguiranno gli interventi necessari a rendere inerte l’ordigno, permettendone la successiva movimentazione in sicurezza e il trasferimento presso un sito individuato in Frazione Gisazio dove sarà eseguita la neutralizzazione della bomba mediante combustione dell’esplosivo.

Le limitazioni alla circolazione stradale
L’ubicazione dell’area dell’ordigno ha reso inoltre necessario disporre, a partire dalle ore 10:30 di venerdì 11 dicembre e fino a cessate esigenze, l’interruzione della circolazione nelle strade all’interno dell’area sopraindicata e nella zona di rinvenimento (Via Alla cava Alta). Tutte le operazioni saranno coordinate per ogni necessario intervento di supporto e di raccordo di tutte le attività programmate.