Calolzio, 3 novembre 2020 – Nei giorni scorsi all’interno del santuario del Monastero di Santa Maria del Lavello a Calolziocorte è stata ri-posizionata una statua dedicata a Santa Barbara. Il manufatto è tornato “a casa” dopo oltre 20 anni: l’opera era stata infatti rimossa in occasione dei lunghi lavori di restauro del complesso e poi era finita dimenticata nei magazzini della Parrocchia di Foppenico.

Si pensava fosse andata definitivamente persa ma ora, dopo alcune ricerche, è finalmente stata ritrovata e dopo essere stata accuratamente restaurata da un laboratorio bergamasco riportata all’interno del santuario, dove rimarrà definitivamente.

“E’ un piccolo gesto ma di grande valore” spiega Armando Friburghi della Fondazione Monastero di Santa Maria del Lavello.

“La presenza della statua nel monastero era testimoniata da alcune vecchie foto e proprio partendo da questa conferma ci siamo messi sulle sue tracce. Grazie alla collaborazione del parroco don Antonio Vitali e del sacrestano Carlo Bolis abbiamo iniziato una ricerca e l’abbiamo ritrovata in un magazzino della parrocchia del Corpus Domini, che ringrazio anche per il lavoro di restauro che si è concluso in tempo per il 4 dicembre, giorno della ricorrenza di Santa Barbara”.

“Avremmo voluto organizzare una commemorazione insieme all’Associazione Marinai d’Italia ma l’emergenza Covid ce lo ha impedito. Riportando la statua al santuario portiamo avanti una dedizione popolare dei calolziesi che rischiava di andare dimenticata”.