Lecco, 2 dicembre 2020 –  Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) si è pronunciato, respingendolo, in merito al ricorso presentato dal centrodestra per chiedere l’annullamento delle operazioni e degli atti del procedimento elettorale per l’elezione del Sindaco e del Consiglio comunale di Lecco.

In una nota del Comune di Lecco viene spiegato che il ricorso è stato respinto integralmente poiché ritenuto in parte infondato e in parte inammissibile.

Il ricorso – si legge ancora nel comunicato di Palazzo Bovra  -era stato presentato da Fabrizio Arrigoni (lista “Lecco Ideale Peppino Ciresa Sindaco”), Fulvio Lucidi (lista “Lega Salvini Lombardia”), Giuseppe Mambretti (lista “Lecco Merita di Più”) e Massimo Sesana (lista “Fratelli d’Italia”) per chiedere l’annullamento delle operazioni e degli atti del procedimento elettorale per l’elezione del Sindaco e del Consiglio comunale di Lecco, dei verbali dell’Ufficio centrale elettorale del 6 ottobre 2020 e del 23/24 settembre 2020, dei verbali delle operazioni elettorali della sezione 35 del primo e del secondo turno, di tutti i verbali delle operazioni elettorali dell’Ufficio centrale elettorale del primo e secondo turno, della delibere di convalida degli eletti e di tutti gli atti presupposti, connessi e conseguenziali del responsabile dell’ufficio elettorale comunale al fine di ottenere la ripetizione delle operazioni di voto.
“Tale sentenza – continua il Comune – dà ragione del corretto operato degli uffici comunali in ordine all’intera procedura elettorale, resa quest’anno ancor più complessa per l’emergenza covid-19. In particolare, con riferimento allo spostamento della sezione 35 “Airoldi e Muzzi”, il Giudice amministrativo non solo ha rilevato la corretta gestione formale del seggio e del seggio speciale 35/s, ma ha valutato nel merito la richiesta presentata dal Presidente della R.S.A. “giustificata e ragionevole” visto il contesto generale di pandemia”.