Lecco, 24 novembre 2020 – Il Comune di Bellano rende noti i dati sulla raccolta rifiuti del mese di Ottobre 2020, confrontandoli con lo stesso mese dell’anno 2019. E i risultati sono davvero importanti. Dal 1 Ottobre l’Amministrazione ha introdotto due rilevanti novità: l’eliminazione di un giro di raccolta del sacco grigio indifferenziato e l’introduzione della raccolta “porta a porta” anche sul territorio del censuario di Vendrogno. L’amministrazione comunale spiega così i risultati ottenuti:
 
Partiamo dal grado di differenziazione del rifiuto: + 800 kg di carta differenziata, + 1,5 tonnellate di vetro differenziato, + 1,5 tonnellate di organico (umido) differenziato e ben 3,5 tonnellate di materiale riciclabile differenziato (sacco viola, vale a dire plastica, alluminio, acciaio, polistirolo, tetrapak etc.). Un salto in avanti davvero importante, segno della bontà dell’azione intrapresa, che sicuramente ha portato ad un impegno maggiore dei cittadini. Rapportando questi dati a tutti i 12 mesi, i numeri sono davvero molto incoraggianti.
 
Il dato che fa ancora più impressione è il brusco calo di rifiuti indifferenziati prodotti, vale a dire 8,5 tonnellate in meno recuperate in un solo mese, e basta confrontare i dati sopra esposti per notare anche un calo di rifiuti totale prodotti (circa 1,2 tonnellate in meno).

DATI IMPORTANTI 
Dati davvero notevoli, che suffragano le convinzioni che abbiamo avuto alla vigilia di questa scelta, vale a dire da un lato che anche a Vendrogno si poteva portare il sistema più virtuoso della raccolta di casa in casa e coi centri di raccolta, dall’altro lato si nota che la scelta di allineare Bellano agli altri Comuni della Provincia in cui si prevede un solo ritiro settimanale del sacco grigio ha portato ad un netto miglioramento della qualità del rifiuto. L’ambiente ringrazia i Bellanesi e i Vendrognesi dell’impegno di questo primo mese e noi li ringraziamo per la pazienza e la collaborazione anche nei problemi legati alla partenza di questo nuovo sistema”.
 
Sono di questi giorni i dati sorprendenti dell’introduzione in 6 comuni dell’oggionese della raccolta puntuale dei rifiuti (vale a dire il tracciamento dei rifiuti prodotti) che prossimamente verrà introdotta anche sul nostro territorio: fino al 58% in meno di rifiuti indifferenziati prodotti, e questi dati riguardanti Bellano si inseriscono in questo solco di rispetto verso l’ambiente.
 
L’IMPEGNO DEI CITTADINI
Dobbiamo ringraziare i cittadini che hanno sconfitto coi fatti le paure di qualcuno, vale a dire praticamente nessun sacco abbandonato nei boschi, nelle valli o sui cigli stradali (certo qualche incivile c’è stato, ma c’era anche prima e ci sarà anche in futuro). Se pensate al volume delle 8, 5 tonnellate di materiale rispetto al sacco singolo abbandonato è facile comprendere come questa azione dell’eliminazione dei cassonetti sia una buona cosa. Anzi ottima. Speriamo che la nostra scelta di portare anche in montagna questa azione virtuosa sia presto seguita dai comuni della Valsassina, che condividono una differenziazione del rifiuto ancora troppo bassa”.