Lecco, 18 novembre 2020 – Il consigliere provinciale Paolo Lanfranchi ha porato all’attenzione dell’ente provinciale i rischi connessi alla peste suina africana:

Gentile Presidente,

in questi giorni siamo venuti a sapere che nell’Est Europa e in alcuni casi già anche in Belgio e Germania si sta via via diffondendo la peste suina africana (PSA).

Una malattia virale contagiosa di alta letalità che colpisce maiali e cinghiali con un elevato potenziale di diffusione. Cosa questa che, se malauguratamente dovesse succedere, andrebbe a ripercuotersi su tutto il patrimonio zootecnico anche del nostro territorio.

Ferma restante la costante e puntuale vigilanza zootecnica preventiva, cosi come previsto ed indicato dal Ministero della Salute, mi permetto di proporLe di attivare quanto prima una “cabina di regia” per poter dar vita con il contributo di tutti i soggetti interessati a tutte le necessarie azioni di riduzione dei cinghiali sul nostro territorio.

Una “cabina di regia” che coinvolga i dipartimenti di Igiene e Prevenzione Sanitaria e di Veterinaria dell’ATS di Lecco, la Guardia Forestale, la Protezione Civile, l’Ufficio Agricoltura della Camera di Commercio e tutti quegli altri soggetti interessati del settore, per far sì che possano essere organizzate al meglio tutte quelle misure possibili e necessarie di prevenzione anche attraverso una drastica riduzione dei cinghiali.

Allego, per opportuna conoscenza, un articolo apparso sul tema sul quotidiano online “L’Adige” in data odierna.

In attesa di cortese e sollecito riscontro porgo cordiali saluti.