Lecco, 11 novembre 2020 – Ancora un problema ferroviario per i pendolari lecchesi. Lunedì sera è toccato ai passeggeri del Besanino rimanere bloccati per ore e poi rientrare a casa con mezzi di fortuna, dopo un guasto alle porte del treno, nei pressi di Monza, con la necessita di un intervento dei Vigili del Fuoco.

“Siamo d’accordo con il portavoce del Comitato pendolari: al di là del singolo episodio o della singola emergenza, di per sé comunque preoccupante, è evidente come manchi un piano di emergenza e la possibilità di assistere e trovare soluzioni per i viaggiatori che alla fine vengono lasciati completamente da soli per risolvere il problema del rientro a casa”, commenta Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd.

“Ci chiediamo fino a quando penserà di trattare così i suoi utenti. Ormai i disagi, si sa, sono all’ordine del giorno, ma lasciare che i pendolari rimangano prigionieri di un convoglio e non provvedere a riportarli in qualche modo a casa, significa proprio passare il segno. Sul piatto dei problemi che ogni giorno i lombardi che utilizzano le linee di Trenord devono affrontare, ora metteremo in conto anche questo”.