Lecco, 2 novembre 2020 – Approfittando dell’attuale emergenza derivante dall’allarme Covid sono riusciti ad accedere all’abitazione privata di un anziano signore, riuscendo a farsi consegnare denaro in contente per circa 4.000,00 euro e monili in oro.

I malviventi, per effettuare questa truffa, si sono finti medici e infermieri impegnati nelle cure di un familiare dell’anziano che sarebbe stato affetto da covid-19 e che, pertanto, necessitva di urgenti e costose cure a pagamento.

I carabinieri nuovamente la cittadinanza, con particolare riferimento alla fasce più deboli della popolazione:
a diffidare da chi voglia entrare in casa qualificandosi come sanitari, dipendenti di enti pubblici che forniscono servizi di pubblica utilità, carabinieri/ avvocati;
a ricordare che la prassi non prevede alcun pagamento per asserite cure mediche, né verifiche sanitarie presso le abitazioni private da parte delle forze di polizia;
a impedire, nei casi sospetti, l’accesso alle persone di cui non è nota l’identità, chiamando il 112 o la stazione dei carabinieri, oppure richiedendo la presenza di qualche vicino o familiare.