30 ottobre 2020 – L’emergenza sanitaria legata al Covid-19 e il conseguente lockdown hanno portato con sé un’altra emergenza, di carattere economico, che a sua volta ha fatto emergere un problema sociale non indifferente.

Caritas Ambrosiana, nell’emergenza economica e sanitaria attuale, ha svolto e sta svolgendo un lavoro prezioso rivolto, come sempre, agli ultimi e alle persone più in difficoltà. L’ultimo report stilato dall’associazione caritativa ha fatto emergere un’aumento preoccupante delle persone che si rivolgono alla Caritas, per un supporto alimentare ed economico in questi tempi pandemici.

I precari, i contratti a chiamata, lavoratori e lavoratrici in nero sono le classi più colpite dall’emergenza sanitaria e dal conseguente lockdown, ovvero quelle che difficilmente vengono raggiunti dagli aiuti statali come ad esempio la cassa integrazione.

Nella fragilità, ulteriormente colpite sono le donne e gli immigrati, le fasce sociali che hanno subito maggiormente i licenziamenti durante il lockdown.

La nostra intervista al direttore di Caritas Ambrosiana Luciano Gualzetti: