Monticello, 3 ottobre 2020 – Il Comune di Sirone si convenziona con il Consorzio Brianteo Villa Greppi. Un’occasione per amministrazione e cittadini di testare la qualità dei servizi culturali messi a disposizione dal Consorzio che ha sede a Monticello Brianza e che, grazie all’accordo appena siglato, aggiunge oggi una nuova, importante partnership sul territorio.

Accanto ai diciassette comuni consorziati e dopo Barzago (dal primo gennaio 2021 a tutti gli effetti consorziato), Lesmo, Montevecchia, Osnago, Sovico e Usmate Velate, anche Sirone sceglie infatti di sottoscrivere un preciso accordo che gli consente, come comune esterno all’Ente, di usufruire comunque dei suoi servizi culturali e formativi e di conoscerne da vicino la professionalità e l’alto livello qualitativo. Un sostegno, in sintesi, nell’organizzazione di attività sia culturali che formative, perché ruolo del Consorzio deve essere quello di creare valide sinergie sul territorio.

«Accogliamo con piacere il Comune di Sirone – è il commento della Presidente del Consorzio Villa Greppi Marta Comi – che si avvicina al Consorzio Villa Greppi attraverso lo strumento della convenzione. Con questo passaggio, la programmazione culturale del Consorzio raggiunge l’oggionese e amplia la rete territoriale di riferimento. Con il Comune di Sirone attiveremo una proficua collaborazione di ascolto reciproco, così da offrire gli appuntamenti culturali più adatti – conclude – alle richieste e alle esigenze dell’amministrazione e della cittadinanza».

«Da sempre a Sirone la cultura occupa un posto di riguardo e la nostra Amministrazione – spiega il Sindaco Emanuele De Capitani – ha dedicato particolare attenzione e sostegno a questo aspetto. Da oltre trent’anni la Biblioteca è animata da una commissione di volontari che, per passione, non si sono mai stancati di fare proposte, organizzare eventi e iniziative per diffondere il piacere della lettura e della cultura nelle sue diverse forme. Purtroppo non a tutti i livelli istituzionali si trova questa attenzione e questa vivacità. In questo particolare momento storico di pandemia, la cultura è stata sostanzialmente dimenticata. Tra i tanti interventi rivolti ad affrontare le molteplici emergenze, ben pochi sono stati quelli dedicati all’ambito culturale.

Anche per questo motivo – prosegue il primo cittadino – la decisione del Comune di Sirone di firmare proprio ora una convenzione triennale con il Consorzio di Villa Greppi vuole essere, in qualche modo, un segnale che la cultura necessita di essere sostenuta anche in questa fase delicata. La situazione che stiamo vivendo ci sottopone molte sfide inedite, a cui spesso è difficile trovare una soluzione.

Anche il tipo di iniziative culturali che si propongono devono spesso utilizzare mezzi, linguaggi, strumenti e luoghi nuovi. La collaborazione del Comune di Sirone con il Consorzio di Villa Greppi dura ormai da un decennio, nel quale la rassegna teatrale “L’ultima luna d’estate” ha consentito di ospitare nel nostro piccolo Comune artisti a spettacoli di eccellenza a livello nazionale. In questi anni abbiamo avuto modo di apprezzare le capacità del Consorzio, in termini organizzativi e professionali, finalizzate all’organizzazione e promozione di iniziative culturali. La firma della convenzione, quindi, è un passaggio scelto con l’obiettivo di proseguire ancor di più in questa collaborazione, arricchendo l’attività della nostra Commissione Cultura che così bene sta lavorando.

Siamo convinti che da questa possibilità i sironesi possano trarre grandi benefici, con un calendario ancor più ricco di eventi e iniziative di alto livello, organizzati non solo a Sirone, ma in tutti i Comuni del Consorzio. Chiudendo con una citazione di quello che il Consorzio Villa Greppi ha scelto come proprio motto, crediamo – conclude il sindaco – che questa nuova collaborazione darà a ogni sironese nuove occasioni per godere di “tutta la cultura che vuoi”».