Paderno d’Adda, 31 agosto 2020 – I Carabinieri della Compagnia di Merate, a parziale conclusione dell’attività d’indagine conseguente a una rissa avvenuta il 19 agosto all’esterno del Garage Cafè di Paderno d’Adda, hanno eseguito una ordinanza di misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Lecco a carico dei soggetti che vi avrebbero partecipato.

L’attività investigativa, condotta dai Carabinieri del Norm della Compagnia di Merate nei momenti immediatamente successivi alla rissa, incentrata in particolare nell’escussione dei testi e nell’analisi delle immagini tratte dai circuiti di videosorveglianza, ha permesso di accertare che l’episodio violento risulta attribuibile ad otto soggetti, suddivisi in due gruppi antagonisti, uno di persone residenti nel meratese e l’altro proveniente dalla vicina provincia di Bergamo che, per motivi non ancora completamente delineati, sono venuti a contatto, causando tra l’altro gravi lesioni al 69enne G.R., tuttora ricoverato in prognosi riservata presso l’ospedale di Lecco.

Le indagini dell’Arma, coordinate dal Sostituto Procuratore dr. Andrea Figoni, hanno consentito di applicare la misura cautelare degli arresti domiciliari a carico di G.G., 21enne, di Calusco d’Adda, noto alle forze di polizia, identificato quale autore materiale del pugno sferrato al già citato G.R., nonché quelle dell’obbligo di dimora a carico di L.C., 28enne, di Calusco d’Adda, noto alle forze di polizia e di D.R., 37enne, di Merate, figlio di G.R., entrambi noti alle forze di polizia.

Inoltre sono stati denunciati a piede libero, oltre a G.R., anche B.L., 27enne, residente a Medolago, C.D., 37enne, residente a Robbiate, G.R., 39enne, residente a Robbiate e T.M., 38enne, residente a Merate.