Lecco, 23 agosto 2020 – Stefano Alippi negli anni ’90 è stato indubbiamente uno dei più forti climbers lecchesi e negli anni ’90 era il faro dell’arrampicata delle pareti intorno al lago.

Il Sasso Alippi, sul sentiero che parte dal 12esimo tornante della strada verso pian Resinelli, era uno dei suoi luoghi di allenamento. E forse il tiro più bello di questo masso strapiombante era proprio Thunderstruck, una linea ben poco naturale ma indubbiamente bella.

Quindici anni, molte vittorie in Speed sia a livello assoluto che giovanile, il Boulder come primaria Passione, Beatrice Colli, stella della squadra giovanile dei ragni, ha salito questa durissima Thunderstruck di 26 movimenti di dita per anni Test dei migliori scalatori lombardi come Cominotti, Pedeferri, Passini…

“E’ la seconda volta dalla fine della Pandemia che “Bea” sale un tiro di questa difficoltà, e sempre su lunghezze che fino a pochissimo tempo fa erano considerate maschili per la Forza richiesta. Ed è l’unica climbers vittoriosa nella Speed al mondo capace di tali difficoltà”,commentano i Ragni.