Lecco, 28 Luglio 2020 – Al via oggi la summer school “Vuoi diventare Youtuber?”, promossa da Fondazione Ente dello Spettacolo. Il corso di formazione, rivolto ai giovani del territorio, si svolge all’interno di Donne oltre gli schermi: Lecco Film Fest, da martedì 28 luglio a venerdì 31 luglio presso il Palazzo delle Paure di Lecco, ed è un’iniziativa realizzata nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola finanziato da MIUR e MiBACT.

Nella giornata di oggi, 28 luglio, la curatrice del Lecco Film Fest Angela D’Arrigo ha introdotto i dodici ragazzi provenienti dalle scuole del lecchese alle lezioni che sosterranno nel corso dei prossimi quattro giorni, soffermandosi sul tema del festival alla sua prima edizione.

«Perché proprio le donne? Tutte noi – e mi rivolgo nello specifico alle ragazze – ci siamo trovate almeno una volta nella vita in una situazione di discriminazione, tutte noi ci siamo sentite almeno una volta a disagio per strada, per i troppi occhi addosso, per la battuta fuori posto. Ai colloqui di lavoro spesso le ragazze si sentono chiedere “vuoi fare figli?”. Quando una donna ricopre un ruolo lavorativo importante, c’è sempre qualcuno pronto a ironizzare e a dire che è stata raccomandata. È evidente che c’è un problema culturale».

Il ruolo che i social ricoprono diventa cruciale: spesso la cultura discriminatoria passa per il web, per i nuovi mezzi di comunicazione, uno strumento potente e ricco di potenziale se ben utilizzato. La summer school del Lecco Film Fest parte proprio dall’idea che i giovani possano rappresentare quell’inversione di rotta rivoluzionaria, in grado di cambiare lo sguardo femminile del web e sul web, attraverso un racconto fatto per immagini. La comunicazione audiovisiva è quella che gli adolescenti prediligono e la piattaforma social che meglio sembra rispondere ad una simile esigenza è YouTube.

«Abbiamo pensato – ha spiegato ai ragazzi Angela D’Arrigo – di darvi gli strumenti per realizzare dei vieo che mostrino a tutti la città delle donne, partendo dalle grandi donne lecchesi, reali e non, finendo col raccontare Lecco come se fosse lei stessa una donna».

I ragazzi saranno guidati nelle attività di laboratorio dal videomaker professionista Pierre Faiazza che illustrerà loro la parte prettamente tecnica del lavoro di regia e montaggio: «Vedremo insieme cosa non deve mai mancare in una storia, scopriremo come si fa il cinema e che lavoro c’è dietro ad un video anche di pochi minuti. Gireremo per il territorio di Lecco, scegliendo i luoghi che più si addicono al nostro racconto».

Nei giorni seguenti incontreranno esperti del settore, dal critico cinematografico Gianluca Arnone alla social media manager Enrica Comini (agenzia Welcome Digital). Interverranno poi personalità come Costanza Rizzacasa d’Orsogna, giornalista e scrittrice e Tess Masazza, attrice e youtuber.

Domani mattina, in particolare, lezione sulle “donne lecchesi che hanno fatto la storia”. Si comincerà dalla manzoniana protagonista de “I Promessi Sposi” Lucia, con letture a cura di Gianfranco Scotti; quindi l’arch. Sofia Ceppi Badoni, autrice di un memorabile corto sulla storia dell’industria metalmeccanica lecchese, presentata da Barbara Cattaneo; infine spazio alla poetessa Antonia Pozzi, con il ritratto tracciato da Sabrina Bonaiti.