Lecco, 25 luglio 2020 – Manifestazione in piazza XX Settembre a Lecco a sostegno della legge contro l’omotransfobia e la misoginia in discussione in parlamento. Associazioni e cittadini hanno aderito all’iniziativa promossa dall’associazione Renzo e Lucio in collaborazione con Agedo (Associazione di genitori parenti e amici di persone omosessuali e transessuali) di Como e Lecco in risposta a quella, di senso opposto, organizzata settimana scorsa dal comitato “Restiamo liberi”.

Si è trattato di un flash mob intitolato “spazza l’odio”, con i partecipanti che sono scesi in piazza con delle scope per “spazzare l’odio che a volte circola nelle nostre strade e rende la vita di alcune persone più precaria e difficile, perché per alcuni è ancora troppo rischioso manifestare liberamente se stessi senza correre il rischio di subire gratuite violenze e discriminazioni”.

“Da sempre nel nostro Paese – hanno spiegato gli organizzatori – ogni anno si registrano atti di violenza o odio contro alcune persone a causa dell’orientamento sessuale, dell’identità di genere e del genere. Violenze gratuite contro donne, omosessuali e transessuali. L’Italia ha già una legge che sanziona chi commette atti d’odio causati da motivazioni razziali etniche e religiose. La proposta di legge, in discussione dal 27 luglio in parlamento, chiede semplicemente di estendere gli effetti di questa legge anche ai reati d’odio determinati dall’orientamento sessuale, dall’identità di genere , dal genere e dal sesso”.

LE RAGIONI
Queste la ragioni che hanno spinto i partecipanti a scendere in piazza a favore della nuova normativa: “Si tratta di una legge giusta che cerca di creare una protezione in più contro l’omofobia la transfobia, la violenza dì genere e la misoginia. Una legge che non vuole mettere il bavaglio a nessuno ma vuole fermare le mani di coloro che compiono azioni violente causati dall’odio verso queste categorie di persone. Una legge che, non solo punisce, ma cerca di determinare azioni concrete, culturali e sociali, per cambiare la cultura dell’odio nel nostro Paese e creare una società dove le differenze sono un valore ed il rispetto per ogni singola persona una priorità. Una legge che da anni è negata nel nostro Paese, perché ancora troppi vogliono evitare che le cose cambino e continuano a chiudere gli occhi contro l’odio e la violenza.”

LA POLITICA
Presenti in piazza anche alcuni dei partiti di centrosinistra che sostengono Mauro Gattinoni nelle prossime elezioni comunali: Giovani Democratici, Con la Sinistra Cambia Lecco, AmbientalMente.

Alla manifestazione di settimana scorsa, contro il ddl Zan, uno stand-up silenzioso con cui si era manifestato contro la possibile (questo il pericolo secondo il comitato organizzatore) deriva liberticida di questa legge, aveva invece  direttamente preso parte il candidato di centrodestra Peppino Ciresa.

(Credit foto: Lecco Pride)