Lecco, 25 luglio 2020 – Il dottor Mauro Zago, direttore del dipartimento di Chirurgia dell’ospedale Manzoni di Lecco, nonché presidente dei chirurghi italiani, è ottimista sulle possibilità di ritornare alla normalità e, anzi, sviluppare la punta di diamante della chirurgia lecchese: quella robotizzata.

Il dottor Mauro Zago, direttore del dipartimento di Chirurgia dell’ospedale Manzoni di Lecco e presidente dei chirurghi italiani

“Abbiamo dovuto accantonare le nostre ambizioni a causa dell’emergenza sanitaria – dice Zago – ma ora l’attività di sviluppo è ripresa, sia per quanto riguarda la chirurgia elettiva (programmata) che di urgenza. Questi due campi al Manzoni si miscelano in maniera ottimale mantenendo un livello molto alto.

I progetti in cantiere sono tanti, ad esempio quello che punta a uniformare ed espandere la chirurgia non invasiva. A Lecco possiamo già adoperare e sviluppare la chirurgia robotica: vogliamo rendere il Manzoni un “hub”, quindi un ospedale di riferimento per questo campo. Qui sono molto sviluppati gli ambiti della chirurgia colorettale, per la quale possiamo contare su un team multidisciplinare di altissimo rilievo”.

Questi e molti altri spunti sono presenti nel video-speciale di Marcello Villani: