Lecco, 20 luglio 2020 – Seconda settimana di cinema all’aperto con “Ma che film la vita!”, il cineforum estivo organizzato da Parrocchia di San Nicolò e Confcommercio Lecco per offrire film di qualità e opportunità di riflessione a partire dal tema “Rinascere. Il cinema per ripartire”.

Dopo il successo dell’apertura con “Lourdes” di martedì 14, anche venerdì scorso 17 luglio lo spazio dell’oratorio San Luigi davanti Cinema Teatro Aquilone di Lecco è stato riempito da numerosi spettatori (sempre nel rispetto delle norme dettate dall’emergenza Coronavirus) che hanno assistito alla proiezione di “Bar Giuseppe”.

Alla serata ha preso parte il regista Giulio Base, che è intervenuto stimolato dalla critica cinematografica Beatrice Moia e dal prevosto di Lecco, don Davide Milani; ha portato il suo saluto ai presenti anche il presidente di Confcommercio Lecco, Antonio Peccati.

 

LA SECONDA SETTIMANA
La seconda settimana di “Ma che film la vita!” versione estiva inizierà domani, martedì 21 luglio, con la proiezione del film “Abbi fede”. Il tema della serata è “Il bene per ripartire”: interverrà il produttore Gianluca Lazzarini. Il film, diretto e interpretato da Giorgio Pasotti (nel cast anche Claudio Amendola), vede al centro la storia di padre Ivan, un prete troppo ottimista e con l’inclinazione ad affrontare cause perse per aiutare chi si aggira intorno alla sua parrocchia, che si vanta dei risultati ottenuti aiutando i bisognosi.

Un giorno viene avvicinato da Adamo, un criminale che non vuole saperne di tornare sulla retta via e che preferisce latitare sulle montagne. Ivan si convince che Satana stia impedendo ad Adamo di realizzare il suo vero potenziale, mentre nel frattempo il criminale farà di tutto per dare all’uomo di chiesa un esempio della reale crudeltà della vita.

A chiudere la minirassegna venerdì 24 luglio sarà il film “Corpus Christi” di Jan Komasa, con Bartosz Bielenia, Aleksandra Konieczna (tema della serata: “Credere per guarire”). La pellicola racconta la storia di Daniel, un ventenne che vive una trasformazione spirituale mentre sconta la sua pena in un centro di detenzione. Daniel vorrebbe farsi prete ma questa possibilità gli è preclusa per la sua fedina penale.

Uscendo dal centro di detenzione, gli assegnano un lavoro presso un laboratorio di falegnameria in una piccola città, ma al suo arrivo, essendosi vestito da prete, viene scambiato per il parroco. La comparsa di questo giovane e carismatico predicatore diventa l’occasione per la comunità, scossa da una tragedia avvenuta qualche tempo prima, per cominciare a rimarginare le sue ferite.

INGRESSI
L’inizio delle proiezioni (a cui bisogna presentarsi muniti di mascherina e che verranno effettuate anche in caso di pioggia) è previsto per le ore 21. L’ingresso è libero con prenotazione da effettuare via email (segreteria@chiesadilecco.it) o telefonicamente (0341282403; orari d’ufficio). I posti disponibili sono 150, l’ingresso viene effettuato dal sagrato della Basilica di San Nicolò.