Lecco, 6 luglio 2020 – Domenica 5 luglio si è conclusa la sessione formativa del Soccorso Alpino per la squadra forre regionale, un reparto specializzato che opera in contesti in cui, oltre a pareti rocciose e luoghi impervi e ostili, è presente l’acqua.

MOREGALLO
Tutti i tecnici di soccorso in forra della Lombardia hanno partecipato a due sessioni, a Zogno, nella bergamasca Valle Brembana, nei pressi del torrente Caucio, Valle di Carubbo, e ad altre tre sessioni nel Lecchese, nel torrente Moregge, sul Monte Moregallo, a Valmadrera.

La formazione, avvenuta in presenza degli istruttori, ha riguardato un aggiornamento sulle procedure tecniche e operative rilasciate da SnaFor (Scuola Nazionale Tecnici Soccorso in Forra) e SnaMed (Scuola nazionale Medici alpini) del Cnsas, riconosciute da legge dello stato. In programma vi erano una serata in videoconferenza, per la presentazione teorica e sanitaria delle normative sulle procedure da mettere in atto durante le giornate di formazione o durante l’attività di intervento, e una parte pratica in ambiente, nei torrenti indicati.

I TECNICI
Si diventa tecnico di soccorso in forra dopo avere maturato esperienza in ambito alpino o speleologico e con una formazione successiva nella progressione in questo tipo di ambiente e nelle procedure connesse agli interventi in forra. Servono competenza, abilità fisiche e mentali ma soprattutto una grande dedizione: un ringraziamento è quindi doveroso per tutti i nostri tecnici, pronti a mettersi in gioco, a imparare e a migliorare, in condizioni sempre più complesse, come quella che stiamo vivendo, in particolare nella nostra regione, colpita, più di altri territori, dall’emergenza Covid-19.