Lecco, 10 giugno – Nella basilica di San Nicolò, questo pomeriggio si è tenuto l’ultimo saluto al pubblico ministero Laura Siani, 44 anni, scomparsa tragicamente nella serata dell’1 giugno.

Presenti autori e amici, che si sono stretti attorno ai fratelli Giorgio e Carlo. A celebrare le esequie monsignor Davide Milani, don Agostino Frasson, don Gabriele Gioia, don Andrea Lotterio e don Agostino Butturini.

Nell’omelia il Prevosto l’ha così ricordata la figura di Laura Siani: «Ciò in cui Laura è stata esemplare sono segno che rimane in noi, ci ha cambiato in meglio e può continuare a farci del bene se ne conserviamo il ricordo, imitandola in questo. Si tratta di parole, gesti, del modo di vivere le sue tante doti umane, del coraggio e della passione nella sua missione professionale, della dedizione per i genitori e le persone care».

A fine celebrazione, Laura Siani è stata ricordata dal fratello Giorgio a nome della famiglia. «Aveva un animo nobile, gentile dolce, ma al tempo stesso molto determinato. Negli anni è riuscita a raggiungere in tutti i suoi obiettivi con sacrificio e capacità. Tanto forte e determinata quanto fragile, sempre tormentata. Questa sua determinazione non l’hai mai abbandonata. A tornare a Lecco Laura ci aveva fatto un grande regalo».