Lecco, 5 giugno 2020 – Oggi, 5 giugno 2020, si celebra il 206° annuale di fondazione dell’Arma dei Carabinieri, che quest’anno assume un significato ancora più profondo poiché coincide con il centenario della concessione della prima Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Bandiera di Guerra dell’Istituzione, per il valore dimostrato e il sangue versato durante il primo conflitto mondiale.

Era il 5 giugno 1920 e da allora in questa data si celebra la Festa dell’Arma, nata come “Corpo dei Carabinieri reali” il 13 luglio del 1814.

Il comandante provinciale dei Carabinieri Igor Infante e il prefetto Michele Formiglio

Il Ministro della Difesa, On. Lorenzo Guerini, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Gen. Enzo Vecciarelli, il Comandante Generale, Gen C.A. Giovanni Nistri, e i Presidenti dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell’Opera Nazionale di Assistenza per Orfani dei Militari dell’Arma hanno onorato la ricorrenza rendendo omaggio questa mattina ai Caduti, con la deposizione di una corona d’alloro al Sacrario del Museo Storico dell’Arma.

Le misure di contenimento della pandemia non hanno consentito di prevedere la tradizionale cerimonia militare, ma come ha ricordato il Comandante Generale nel messaggio rivolto a tutti i carabinieri “la solennità ideale della ricorrenza è interamente riposta nella confermata adesione di tutti ai valori fondanti dell’Istituzione. Tali principi sono emblematicamente sottesi nella concessione, esattamente cento anni fa da oggi, della prima Medaglia d’Oro al Valor Militare alla nostra gloriosa Bandiera e hanno ricevuto rinnovata attestazione nelle attività condotte durante l’emergenza sanitaria. Sin dal suo insorgere l’Arma tutta, dai minori livelli ordinativi in su e ovunque sul territorio nazionale, ha rappresentato la più immediata espressione della prossimità dello Stato ai cittadini, dimostrandosi ancora una volta concreta interprete di quel ruolo di rassicurazione, solidarietà e protezione che è patrimonio unanimemente riconosciuto della Sua storia”.

La professionalità dagli uomini e delle donne dell’Arma presenti in numerose aree del mondo, inquadrati in contingenti multinazionali e interforze a fianco dei colleghi di Esercito, Marina e Aeronautica” è stata sottolineata dal Capo di Stato Maggiore della Difesa nel suo messaggio augurale per la ricorrenza, evidenziando tra l’altro “lo straordinario impegno per favorire la pacifica convivenza tra i popoli e dare sostegno e migliori prospettive di vita in luoghi e terre remote”.

Il Ministro della Difesa ha invece posto l’attenzione sull’innata capacità dei carabinieri di essere, con garbo e discrezione, sempre vicini ai cittadini, che sanno di poter trovare in ciascun di loro un riferimento sicuro e una mano tesa nelle difficoltà. L’On. Guerini ha pertanto invitato le donne e gli uomini dell’Arma ad essere “fieri ed orgogliosi di questo rapporto privilegiato con gli italiani costruito in più di due secoli di vita, alimentato quotidianamente per garantire sicurezza, legalità e ordine.

Anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con un messaggio indirizzato al Generale Nistri, ha rivolto l’augurio più fervido degli italiani a tutti i carabinieri, sottolineando la dedizione dimostrata in questo periodo particolarmente difficile che “ha confermato quel rapporto di naturale relazione e fiducia con la gente, garantendo la prossimità rassicurante dello Stato, solidarietà e concreta assistenza”. Lo spirito di sacrificio dei militari dell’Arma in favore delle comunità loro affidate è testimoniato anche dall’elevato numero di contagiati e di deceduti, ha proseguito il Capo dello Stato, che ha voluto esprimere la vicinanza e la riconoscenza della Repubblica ai Caduti di ogni tempo e ai loro familiari.

I CARABINIERI A LECCO

Igor Infante, Comandante provinciale dei Carabinieri a Lecco

Nella provincia lecchese si è tenuta la sola deposizione di una corona d’alloro da parte del Comandante Provinciale Col. Igor Infante, unitamente al Prefetto, dott. Michele Formiglio, presso il monumento ai caduti dell’Arma posto nel cortile interno della caserma di Corso Carlo Alberto.

L’impegno messo in campo dai reparti del Comando Provinciale di Lecco negli ultimi 12 mesi ha consentito di ottenere una generalizzata diminuzione, oltre del 13,48%, di tutte le fattispecie di reato denunciate alle 15 Stazioni dei Carabinieri del territorio.

In particolare l’Arma, che continua a perseguire oltre l’87% dei reati verificatisi in tutta la provincia (capoluogo incluso), ha registrato un significativo calo dei crimini predatori con una diminuzione del 19% dei furti totali, il decremento del 10% di quelli in abitazione e del 25% di quelli in esercizi commerciali ed una diminuzione del 31% delle rapine.

L’attività preventiva in provincia ha visto oltre 57mila persone e 44mila veicoli controllati nonché l’arresto di 147 persone ed al deferimento di oltre 2.000 soggetti all’Autorità Giudiziaria.

Il comandante provinciale dei Carabinieri Igor Infante e il prefetto Michele Formiglio

Particolare attenzione preventiva e repressiva è stata rivolta alle aree boschive poste nei comuni di Dervio, Colico, Calolziocorte, Santa Maria Hoè, Bosisio Parini e Cassago Brianza spesso interesate dai fenomeni di spaccio delle sostanze stupefacenti di vario tipo, che ha visto complessivamente, nel periodo interessato, il sequestro di 11 Kg di marijuana, oltre 7 Kg. di hashish, di circa 700 gr. di cocaina ed oltre 500 gr. di eroina, nonchè  all’arresto di 48 persone, alla denuncia a piede libero di altre 74 e alla segnalazione amministrativa per uso di sostanze stupefacenti di 117 consumatori.