Lecco, 22 maggio 2020 – Il sindaco di Lecco Virginio Brivio ha scritto una nota relativa all’episodio della rissa avvenuta mercoledì sera, 20 maggio, in piazza XX Settembre e che ha visto protagonisti due sentatetto.

Virginio Brivio ai microfoni di Lecco Fm

“L’episodio – dice Brivio – mi interroga e ci interroga su come il nostro sistema sia realmente in grado di dare risposte alle questioni della sicurezza pubblica, questione delicatissima e complessa, certamente cara alle istituzioni tutte, cosi come a ogni cittadino”.

Parole che arrivano a seguito dell’incontro avvenuto nella giornata di ieri con il Prefetto, che ha proposto l’applicazione del Daspo urbano. Una misura che secondo Virginio Brivio non è risolutiva:

“Nelle giornata di ieri Prefettura, Questure e Forse dell’Ordine hanno tempestivamente raccolto la richiesta di un incontro urgente in ordine a quanto accaduto, nonché l’immediata disponibilità dell’Amministrazione comunale nel dare il proprio contributo per la tutela della sicurezza dei cittadini con alcuni possibili strumenti, quali, ad esempio, la misura del cosiddetto Daspo urbano, peraltro già sperimentata in passato dall’Amministrazione stessa. Misure utili, certamente, da non sottovalutare ma, è onesto dire, non risolutive di situazioni come quella che, in modo così cruento si è verificata sotto gli occhi increduli di molti (giovani) cittadini”.

AZIONI EFFICACI

Il sindaco di Lecco ha poi continuato riconoscendo la difficoltà di gestione che l’Amministrazione ha in un caso come questo:

“Da uomo delle istituzioni so perfettamente quanto possa essere difficile coniugare forma e sostanza dell’azione pubblica; spesso i tempi e i modi con cui la norma consente di muoversi stridono con le reali esigenze, con la concretezza della realtà, ma in casi come quello accaduto in città non ce lo si può permettere.

Da sindaco di questa comunità locale ho il dovere di chiedere che la cittadinanza possa contare su azioni efficaci da parte dell’intero sistema deputato al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, soprattutto laddove l’evidenza dei fatti non lasci dubbi sulla necessità di intervenire (se necessario anche con misure di carattere coercitivo) a tutela della collettività e neutralizzando “senza se” e “senza ma” la possibilità che tali fatti si ripetano“.

Brivio, in conclusione, ha richiesto una reazione adeguata e tempestiva:

“Lascio a chi di dovere le valutazioni delle cause e delle circostanze in ordine alle persone coinvolte e di chi ha agito una vera e propria aggressione; non è mio compito entrare in questo merito. Mio compito è però chiedere alle preposte Autorità che venga garantito il pieno controllo delle situazioni di pericolosità sociale riconosciute, controllo che, voglio augurarmi, sia stato assicurato nell’immediatezza dei fatti e lo sia tuttora.

Faccio mie le “semplici” ma sostanziali domande che alcuni preoccupati cittadini mi hanno posto in queste ore (attingendo informazioni dalla stampa o attraverso i social web) chiedendomi “se questa persona è in stato di libertà”, “se provvedimenti di allontanamento da zone della città consentano comunque alla persona di muoversi in altre parti della città”, “se c’è stata una presa in carico sanitaria”, eccetera.

Sono certo che ad ognuna di queste e altre domande che mi pervengono le autorità, anche giudiziarie, sapranno dare le risposte attese nella logica di un sistema che sappia rendersi protagonista di un’azione capace di coniugare, con efficacia, forma e sostanza, quella sostanza che ci è chiesto di custodire e che riguarda la tutela dei nostri cittadini e delle nostre comunità locali”.