Una via di Dolzago

Dolzago il 18 maggio 2020 – Furti di mascherine. Non c’è “reato” più odioso nè più sciocco di questo. Oramai le mascherine sono un bene di “prima necessità” non così introvabile. Per cui rubarle dalle buche delle lettere di altri è davvero un qualcosa di esecrabile, pur nella lievità del reato stesso. A renderlo noto è il sindaco di Dolzago Paolo Lanfranchi che racconta: “Come noto, l’Amministrazione Comunale di Dolzago sta provvedendo alla distribuzione a tappeto di due mascherine chirurgiche per ogni famiglia. In questi giorni i volontari stanno lasciando nella cassetta della posta il materiale. Purtroppo però mi è stato segnalato che in un condominio in Via Parini e in Via Corsica si sono registrati “furti” delle stesse dalle cassette. Il gesto è veramente squallido e giudico davvero inette le persone che si sono rese responsabili di un gesto del genere”.

L’AMAREZZA DEL SINDACO

Conclude il sindaco: “In un periodo come questo, dove la solidarietà, l’aiuto al prossimo, il pensiero di comunità devono essere al centro della nostra azione fa davvero male riscontrare episodi del genere. La distribuzione è rivolta a tutti, indistintamente, e francamente non comprendo il motivo di volersi “accaparrare” una scorta di mascherine a danno degli altri. Mi riservo di mettere in campo tutte le verifiche del caso e di colpire, pesantemente, gli eventuali responsabili”.