Lecco, 6 maggio 2020 – Da oggi, chi volesse fare attività motoria sulla ciclabile di Pescate deve indossare la mascherina. La decisione del sindaco di Pescate Dante De Capitani non lascia possibilità interpretative in merito all’ordinanza regionale  del 3 maggio che evita l’obbligo di indossare la mascherina a chi effettua attività fisica intensa.

“Lunedì 4 maggio, nel primo giorno di validità del nuovo DPCM Conte, complice il bel sole primaverile, diverse decine di persone se non centinaia, si sono riversate sulla nostra ciclopedonale a lago – afferma il primo cittadino – e tante sono state le telefonate, le mail e i messaggi di cittadini che mi hanno fatto notare corridori, ciclisti e persone che passeggiavano senza alcuna porotezione. E figuriamoci cosa  potrà accadere nei prossimi week-end in caso di bel tempo!”.

Alla luce delle numerose segnalazioni il Sindaco ha quindi deciso di reintrodurre immediatamente l’obbligo di indossare la mascherina per qualsiasi  tipo di attività motoria, senza distinzione fra passeggiata, corsa, giro in bicicletta o qualsiasi attività sportiva più o meno intensa.

“Qui da noi non si farà distinzione tra attività motoria normale, attività motoria intensa o attività sportiva più o meno intensa, perché tale differenza non si misura col bilancino  del farmacista e quindi la mascherina se fai attività motoria o sportiva e vuoi percorrere la ciclopedonale di Pescate, te la metti comunque! Permettere che gente sotto sforzo, che quindi suda e fiata di più e magari ogni tanto sputa pure, se ne vada in giro senza mascherina, pur obbligandola ad una distanza di due metri da altre persone rispetto al metro normale di imposizione, non mi sembra particolarmente indicato in questo periodo di emergenza sanitaria”.

Infine De Capitani spiega che la decisione è dettata anche dalla preoccupazione per anziani e bambini che passeggiano tranquillamente sulla ciclopedonale: “La nostra ciclopedonale a lago è da sempre luogo di passeggio e passaggio di tante persone; anziani e bambini che non possono essere messi in pericolo da persone magari contagiose che passano bellamente senza mascherina.

Da domani – conclude il Sindaco – con il posizionamento della segnaletica, se vuoi venire a correre sul lago a Pescate, o percorrerla a piedi o in bicicletta, o metti la mascherina e corri di meno, o vai a fare attività fisica sulla strada provinciale”.