Valmadrera, 2 maggio – Avrebbe compiuto 84 anni il 31 maggio Carlo Forni, per tutti a Valmadrera “Carletto”, uno dei volti storici per notorietà in città, anche per il suo carattere espansivo, il sorriso naturale, la battuta pronta.

Era stato titolare dell’impresa artigianale “Forni” , specializzata in marmi, attività che ha seguito e guidato per oltre quarant’anni fino alla cessione pochi anni fa a causa dei primi problemi fisici.
Carlo Forni faceva parte di tante associazioni valmadreresi e non, e soprattutto era benvoluto da tutti.
IL CORDOGLIO DEL SINDACO
“È stato premiato – ricorda il sindaco Rusconi – a una delle prime edizioni della serata dello sport per i traguardi locali e nazionali raggiunti, ma soprattutto, al di là dell’ amicizia personale e con la mia famiglia, partecipava alle cene di solidarietà, metteva a suo agio chiunque si trovasse al suo cospetto per la simpatia e la cordialità. A nome dell’ Amministrazione Comunale esprimo il cordoglio alla moglie Piera (Pierluigia) e ai suoi familiari. Sono molto addolorato perché mi sembra in queste settimane di perdere un pezzo di storia di Valmadrera e di memoria di persone che hanno riempito la mia vita con la loro presenza nella nostra comunità“.
GRANDE ATLETA
Infatti Forni è stato il primo vero sciatore valmadrerese, maestro di sci e primo allenatore dello Sci Club Pianezzo, allora una costola della SEV , poi dello Sci club Lecco. Vincitore di medaglie europee e mondiali in motonautica offshore e pilota di sci nautico di Luca Di Lelio, Massimiliano Mascheroni e Tono Cassin con benemerenza nazionale del CONI.
I funerali, secondo i limiti previsti dalla normativa vigente, si svolgeranno lunedì alle 16.