Confartigianato in pressing sul Governo affinché la categoria Benessere possa riprendere l’attività prima della data annunciata del 1° giugno 2020.

La Confederazione era già intervenuta sul Governo lo scorso 21 aprile evidenziando i rischi che sarebbero derivati dal protrarsi del periodo di chiusura delle imprese di settore.

A questo punto, si ritiene necessaria un’azione coordinata a livello nazionale di sensibilizzazione dei parlamentari affinché sollecitino il Governo a riprendere in esame il problema e anticipare la data di riapertura.

Confartigianto Imprese Lecco ricorda che nella nostra provincia sono circa 700 le imprese artigiane del settore, per un totale di 1.600 addetti, che a causa di questa scelta del Governo, rischiano di non poter proseguire la propria attività.