Lecco, 02 aprile 2020. Continua la breve striscia positiva nell’andamento dei contagi da Covid-19 in Lombardia, che lascia intravedere finalmente uno spiraglio di luce in fondo al tunnel. Il Governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha confermato poco fa in diretta da Palazzo Lombardia che “stiamo assistendo a questo procedere in linea dei contagi, senza aumenti rispetto ai giorni precedenti. Si sta verificando quello che i nostri esperti hanno previsto, e cioè che inizi tra qualche giorno questa benedetta discesa”.

Ancora una volta il Governatore mette in chiaro che la buona notizia non deve tradursi in facili entusiasmi che rischiano di vanificare gli sforzi di tutti. In questa direzione, Regione Lombardia ha deciso di incrementare l’attività di controllo sul territorio lombardo per verificare che le disposizioni date vengano rispettate: “la Giunta – ha spiegato il Governatore – ha stanziato  464mila euro a favore delle Polizie Locali per incrementare i controlli sul territorio”.

Il Governatore Attilio Fontana

Mentre siamo ancora lontani dal mettere a punto un vaccino risolutivo nella lotta al Covid-19, gli organismi sanitari si stanno concentrando sull’armamentario diagnostico. In questo campo si inseriscono i test sierologici che attraverso un prelievo di sangue riuscirebbero a rilevare l’eventuale presenza degli anticorpi IgM e IgG specifici del COVID-19, i quali vengono prodotti dall’organismo in presenza dell’infezione: si tratta di una tipologia di test che potrebbe rivelarsi utile per misurare la reazione dell’organismo al virus e, in tal senso, potrebbe fornire informazioni importanti sulla risposta immunitaria. A tal proposito il presidente Fontana ha specificato che “la Regione Lombardia si muove nel rispetto della scienza e non fa iniziative avventate”.
“La Regione ha dato da alcuni giorni incarico all’università di Pavia affinché provveda ad esaminare tutti i tipi di test che oggi esistono in questo di campo, a valutarli e a capire se esiste un tipo di test che sia scientificamente valido – prosegue il Governatore – Il mondo della scienza al momento è diviso: o si trova un test scientificamente riconosciuto come valido o faremo altre scelte“. Le risposte dall’Università, in questo senso, dovrebbero arrivare a breve.