Lecco, 01 aprile 2020. L’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera è intervenuto ieri sera sulla sua pagina Facebook con un messaggio durissimo nei confronti della Circolare del Ministero dell’Interno relativa, definita da lui stesso “gravissima”, che pur continuando a vietare gli assembramenti di persone e la pratica sportiva consente le passeggiate o le “corsette” vicino a casa (rientrano entrambe nelle attività motorie consentite) e permette ad un genitore di portare il figlio minore con sé a prendere una boccata d’aria.

L’assessore Giulio Gallera

“Non è questo il momento di abbassare la guardia. La Circolare diffusa dal Ministero dell’Interno rischia di creare un effetto psicologico devastante vanificando gli sforzi e i sacrifici compiuti finora” – scrive Gallera  in relazione alle indicazioni diramate dal Viminale sulle attività motorie –  “Il provvedimento ministeriale potrebbe essere inteso come un segnale di allentamento delle misure di contenimento assunte finora. Misure rigide, importanti, che hanno però consentito di contenere la curva dei contagi del coronavirus”.

“La luce in fondo al tunnel – conclude Gallera – rischia di allontanarsi o di spegnersi del tutto nel momento in cui vengono trasmessi messaggi ambigui: l’indicazione utile per tutti deve essere quella di rimanere a casa, ancora per qualche settimana. Solo così riusciremo a sconfiggere questo nemico subdolo e invisibile”.

Intanto il ministro della Salute Roberto Speranza, durante l’informativa in Senato sulla situazione emergenza Covid-19 nel nostro Paese, ha confermato il prolungamento delle misure restrittive adottate dal governo, sia quelle economiche e sociali sia quelle relative agli spostamenti individuali –  fino al 13 aprile.