Lecco, 30 marzo 2020. Sono passati 10 giorni da quando Lario Reti Holding, il gestore del Servizio Idrico Integrato per tutti i Comuni della Provincia di Lecco, ha chiuso le casette dell’acqua in gestione per evitare le occasioni di assembramento di persone e di conseguenza il rischio contagio da Covid-19. Tuttavia, sembra che molti non siano ancora a conoscenza di tale chiusura, o che piuttosto non se ne facciano proprio una ragione: è la sterra Lario Reti, infatti, a spiegare che la società riceve lamentele da parte dei cittadini che non sono ancora a conoscenza della cosa e che si recano sul posto per trovare poi il distributore non funzionante.

Le casette dell’acqua in gestione sono chiuse dal 20 marzo 2020, a seguito delle disposizioni della Prefettura di Lecco. La Prefettura ha infatti stabilito come, nelle code ai distributori, non fosse possibile garantire la distanza di sicurezza tra le persone. Ad ogni modo, niente paura, perché è possibile servirsi comodamente delle acque di rete: ” a questo proposito – spiegano da Lario Reti – ricordiamo che l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e il Ministero della Salute hanno dichiarato che “…le acque di rubinetto sono certamente sicure rispetto ai rischi di trasmissione della COVID-19 e non sussistono motivi di carattere sanitario che debbano indurre i consumatori a ricorrere ad acque imbottigliate o bevande diverse”.

Lario Reti Holding vuole quindi ricordare a tutti i cittadini della Provincia di Lecco che l’acqua di rubinetto è buona, sicura, controllata e disponibile direttamente a casa propria.