Il terminale postamat aperto a Morterone recentemente

“Ma come? Mio padre e mio fratello soffrono per il Coronavirus e io non posso manco ritirare tutta la pensione?”. La questione se l’è capitata a una ragazza, figlia di un paziente over 80 che, essendo sotto ossigenoterapia in casa per sospetto Covid 19, non è riuscita a ritirare tutta la pensione di aprile, in pagamento già da venerdì. Il problema è stato che non era “delegata abituale” (lo è il fratello malato) e che l’ufficio postale di ritiro non è quello di quartiere (viale Turati), ma quello centrale di viale Dante. Per cui, come delegata non a sistema ma occasionale ha potuto ritirare solamente 600 dei 730 euro di pensione totale. Poste Italiane, però, replica: «Seicento euro è il limite imposto ai prelievi da sportello per chi non è titolare del conto o della posizione in oggetto e non è “domiciliato” in quell’ufficio (il nostro lettore era domiciliato alle poste di via Belvedere e non in quelle di viale Dante, n.d.r.) né delegato abituale. Ma proprio per facilitare le cose Poste Italiane ha innalzato dall’altro giorno il limite a 1500 euro per i “delegati ufficiali”, oltre che naturalmente per i titolari del libretto. La misura è stata decisa a partire dal 26 marzo ed è temporanea. Il provvedimento è stato introdotto proprio in considerazione della particolare situazione di emergenza che stiamo vivendo, per agevolare i clienti andando oltre la consueta operatività”.

TEMPORANEAMENTE INNALZATO A 1500 EURO IL LIMITE GIORNALIERO

Dunque fino a 1500 euro si potranno prelevare, anche in contanti, pensioni e altre provvidenze. da parte di chi non è titolare ma delegato “fisso”. “Chi è delegato in maniera continuativa a prelievo su libretto –  spiega ancora Poste Italiane – può quindi recarsi in qualsiasi ufficio postale, diverso da quello presso il quale è stato aperto il libretto, ritirando fino a 1.500 euro. Per le deleghe occasionali, non registrate a sistema, però scatta la limitazione giornaliera dell’importo prelevabile: 600 euro». Meglio, però, cointestare a più soggetti le pensioni degli anziani, in questo periodo, oppure aprire una carta elettronica a loro dedicata di Poste Italiane completamente gratuita e senza spese.