Lecco, 21 marzo 2020 – Una coppia, proveniente da Pontida, è stata fermata a Calolziocorte e quindi denunciata avendo giustificato lo spostamento come necessario per fare la spesa in un supermercato che non fosse un discount.

Si legge nel verbale della Questura di Lecco:

Nella mattinata di ieri personale della Polizia di Stato – Digos e Squadra Volanti, in Corso Europa di Calolziocorte procedeva al controllo degli automezzi in ingresso in città, provenienti dalla direzione di Bergamo, nell’ambito di un mirato servizio di vigilanza finalizzato al rispetto delle misure di contenimento del contagio da COVID-19.

Nella circostanza, i poliziotti procedevano al controllo di un’autovettura con a bordo due persone, un uomo ed una donna.

Alla richiesta degli agenti circa le motivazioni per le quali si trovassero a Calolziocorte, la signora alla guida riferiva che si stavano recando presso il vicino supermercato per l’acquisto di generi alimentari. Ad ulteriore richiesta, la stessa sosteneva che tale supermercato era l’unico da loro preso in considerazione, non volendosi recare presso un discount ed in merito alla presenza del passeggero comunicava che ciascuno avrebbe dovuto fare la propria spesa.

A seguito del controllo di Polizia emergeva che l’uomo e la donna erano conviventi e domiciliati a Pontida, in provincia di Bergamo.

 Alla luce di quanto sopra la coppia veniva, pertanto, denunciata alla competente Autorità Giudiziaria per aver contravvenuto alle prescrizioni imposte dal recente Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri finalizzato al contenimento del rischio di contagio da COVID-19 (ex art. 650 c.p.).