Lecco, 05 marzo 2020. Presentato quest’oggi presso la sede di Linee Lecco il quadro della gestione del quadriennio 2016-2019 e dell’attività svolta in questo arco temporale, con un occhio di riguardo ai progetti aziendali in programma per il 2020.

 

I PARCHEGGI: UN PROGETTO PER VIA PIETRO NAVA E UNO PER PIAZZA MAZZINI 

Salvatore Cappello

In particolare, per quanto riguarda i parcheggi, il direttore di Linee Lecco, Salvatore Cappello, e l’amministratore unico, Mauro Frigerio, hanno comunicato due nuovi interventi: il primo – in ordine temporale – riguarda l‘apertura di un cantiere in via Pietro Nava: l’intervento partirà lunedì 9 marzo e si concluderà nel giro di 4-5 giorni. “Abbiamo in programma una grande opera di restyling pur mantenendo lo stesso numero di stalli disponibili. Introdurremo anche il Telepass per velocizzare e semplificare la fruibilità dell’area di parcheggio e modificheremo il layout di ingresso e di uscita” – hanno spiegato i vertici della società che ha in gestione, dal gennaio 2019 e per la durata di 10 anni, tutti i parcheggi di proprietà dell’amministrazione comunale di Lecco.

L’altro intervento, molto più ‘importante’ in termini di costi (circa 1 milione di euro) e di impegno, riguarda il parcheggio di Piazza Mazzini, che prevede il questo caso il rifacimento completo dello stesso e la valorizzazione della piazza tramite diverse azioni: “Come primo passo in questa direzione, già questo lunedì verrà effettuata la potatura dei due cedri presenti nella piazza con l’obiettivo di rivalorizzare la statua di Giuseppe Mazzini – spiegano Frigerio e Cappello – Procederemo poi, nei prossimi mesi, con l’inserimento di 6-8 postazione per la ricarica di auto elettriche; il collocamento di una fontana; il cambio dell’illuminazione e la rivalutazione della piazza ancorandola a piazza Garibaldi e quindi al centro città. La pensilina antica presente il loco verrà completamente restaurata e proprio lì installeremo 3 totem: uno servirà per informare i cittadini sulle possibilità offerte dalla città in termini di parcheggi; uno sarà a disposizione dell’amministrazione comunale che ne deciderà l’uso più opportuno; uno, infine, lo dedichiamo agli organi di informazione, nel senso che verrà destinato ai media di Lecco per informare i cittadini. All’interno della piazza inseriremo anche colonnine di ricarica per tablet e smartphone e alcune nuove piantumazioni“.

Mauro Frigerio

Il progetto di Piazza Mazzini è in discussione in questi giorni all’interno della Conferenza dei Servizi guidata dagli assessori comunali Gaia Bologni e Corrado Valsecchi e dall’architetto Cereda. Superata la conferenza, il progetto verrà portato in giunta per l’approvazione definitiva: a quel punto si partirà con la gara a cui parteciperanno almeno 10 aziende. “Il termine della presentazione delle offerte scadrà in una ventina di giorni – precisa Frigerio – Ci aspettiamo quindi di aprire il cantiere subito dopo Pasqua e di riconsegnare la piazza ultimata per il giugno lecchese”.

 

L’IMPORTANZA DI ESSERE AL PASSO CON I TEMPI: LE TECNOLOGIE UTILIZZATE

Sono circa 2.000, attualmente, i posti auto gestiti da Linee Lecco presenti in città: il parcheggio meno utilizzato, in continua perdita, è quello di Pescarenico.  In quest’area, tuttavia, nonostante le varie proposte molto vantaggiose presentate da Linee Lecco ai cittadini, non sembrano trovarsi soluzioni.

Sempre riguardo ai parcheggi, l’obiettivo della società è quello di cavalcare le opportunità offerte dalle tecnologie del tempo: “tutto ciò che può essere fatto per semplificare la gestione delle aree di parcheggio e per velocizzarne la fruibilità deve essere fatto – spiega il direttore Cappello –  L’uso del telepass è stato utilizzato da più del 35% degli utenti: un dato che va oltre le nostre aspettative. Da gennaio abbiamo introdotto anche il telepass pay che viene utilizzato nelle aree a parcometro, e abbiamo riscontrato che in alcune vie è molto utilizzato. Da gennaio abbiamo raggiunto un fatturato di circa 500 euro, che non è poco per questa forma di pagamento. Nel parcheggio dell’Aventina e nel parcheggio di Piazza Affari abbiamo anche introdotto il lettore targhe“.

 

IL BILANCIO AZIENDALE IN CONTINUA CRESCITA

Il direttore Cappello si è anche espresso sui dati di bilancio della società, in continua crescita: “siamo passati  da poco più di 2 milioni di fatturato nel 2016 (con un utile di 583.000 euro) a più di 3 milioni di fatturato nel 2019. 

“L’Azienda è in ordine – conferma Mauro Frigerio, che si avvia verso la fine del proprio mandato, in scadenza a dicembre – Si tratta di una realtà che non ha debiti, è  sana e ha acquisito competitiva a 360 gradi”.

La solidità di questa realtà sta permettendo anche di far fronte a testa alta all’allarme Coronavirus, che per Linee Lecco ha significato, dallo scoppio dell’emergenza, il blocco totale del noleggio degli autobus turistici, un danno che si aggira attorno ai 45.000 euro di mancato introito.

 

PER LA SICUREZZA DEI CITTADINI, INSTALLATI I DAE SUGLI AUTOBUS TURISTICI

Linee Lecco, per garantire maggiore sicurezza agli utenti dei propri mezzi di trasporto, ha acquistato 7 defibrillatori automatici, modelli molto funzionali e semplici da utilizzare – che verranno installati su ogni singolo autobus da turismo (gli autobus bianchi). “Si tratta di una spesa importante che per noi ha però un grande significato in termini di responsabilità”, spiegano i vertici di Linee Lecco. Ovviamente, l’installazione dei Dae prevede anche la formazione del personale, che sarà gestita da Areu.

 

L’IMPEGNO DI LINEE LECCO A FAVORE DELLA SOCIETA’ E DEI CITTADINI PIU’ SFORTUNATI 

Linee Lecco, lo ricordiamo, è una società di diritto privata ma completamente partecipata dal Comune di Lecco. Anche per questo motivo, è grande l’attenzione che questa realtà rivolge nei confronti della città e dei suoi abitanti, specialmente quelli meno fortunati, in particolare bambini e giovani disabili e anziani dei centri diurni . Nel 2019, infatti, sono stati destinati alla voce ‘donazioni’ oltre 38.000 euro: una vera e propria impennata rispetto agli anni precedente, e che è stata motivata – tra le altre cose – dall’acquisto di pullman per persone disabili di cui la società gestisce anche tutta la manutenzione.

Infine, una buona notizia anche per le donne: l’8 marzo potranno viaggiare sugli autobus della città gratuitamente.

 

Giulia Achler