Lecco, 28 febbraio 2020. La Squarda Volanti della Polizia di stato ha arrestato ieri, 27 febbraio, due giovani lecchesi (S.M. e B.M., rispettivamente del 2000 e del 1999), per violenza e resistenza a pubblico ufficiale in concorso, oltraggio, lesioni aggravate e danneggiamento aggravato.

Alle ore 16.40 circa, due equipaggi sono stati inviati dalla Sala Operativa in via Carlo Porta a Lecco a seguito di diverse chiamate pervenute che segnalavano una violenta rissa in corso tra più soggetti. Sul posto due giovani con i vestiti laceri e i volti sporchi di sangue stavano ingaggiando una violenta colluttazione fra loro. Intervenuti immediatamente per dividere i due soggetti, gli agenti sono subito stati aggrediti fisicamente e verbalmente dai due ragazzi. B. M., con ripetuti spintoni e calci, ha cercato di allontanarli per accanirsi ancora su S. M.

Per tutta risposta gli agenti hanno ricevuto grida e spintoni da B. e minacce di morte da S., che ha infine colpito uno di essi sullo zigomo sinistro con un pugno e costringendo così il collega all’utilizzo dello spray al peperoncino per bloccare finalmente l’aggressore ormai privo di ogni controllo. Sul luogo è intervento anche un equipaggio della locale Polizia Ferroviaria. Una volta fatto salire sull’auto di servizio, S. ha cominciato inoltre a dare ripetute testate al vetro divisorio e calci alle portiere posteriori e sui vetri della volante.

Da accertamenti, i due, seppur giovanissimi, risultavano gravati da numerosi precedenti di Polizia per reati contro la persona e il patrimonio. L’arresto è stato convalidato oggi. Si è anche  svolto giudizio direttissimo a seguito del quale, su accordo delle parti, è stata applicata ad entrambi la pena di 8 mesi di reclusione.