Lecco, 26 febbraio 2020. Ce lo si aspettava, e alla fine la notizia è arrivata: sembra che il coronavirus sia arrivato anche nel lecchese. Nella giornata di ieri, infatti, un dipendente della Snam (società di infrastrutture energetiche attiva nel trasporto, nello stoccaggio e rigassificazione del metano) operativo nella sede di San Donato Milanese e risiedente in Provincia di Lecco ha riferito alla società di essere risultato positivo al coronavirus / Covid-19. 

Il soggetto, in ufficio fino allo scorso venerdì, ha accusato sintomi febbrili nel fine settimana ed è stato sottoposto a tampone all’ospedale di Lecco: attualmente si trova in discrete condizioni. Intanto il caso è stato sottoposto all’attenzione dell’assessorato al Welfare di Regione Lombardia, che fornirà ulteriori delucidazioni in merito.

Snam chiarisce che la società “ha già adottato fin dalla scorsa settimana tutte le misure precauzionali per garantire la salute e la sicurezza delle proprie persone, che per l’azienda è la priorità assoluta. Tutti i dipendenti delle regioni Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte e Veneto – con limitate eccezioni per garantire la normale operatività – sono infatti in smart-working già da lunedì scorso e fino al prossimo 8 marzo”.

La società è inoltre intervenuta con tutte le opportune misure di sanificazione e igienizzazione dei locali e ha costituito fin dallo scorso venerdì un gruppo di lavoro dedicato, in costante contatto con la Protezione Civile e le autorità sanitarie.