Lecco, 25 febbraio 2020. In risposta alle domande sollevate da Confcommercio Lecco relativamente all’applicazione dell’Ordinanza sul Coronavirus con particolare riferimento agli esercizi commerciali, Regione Lombardia ha fornito più specifici chiarimenti che riguardano le attività di somministrazione di alimenti e bevande, le attività che operano nei centri commerciali e le tabaccherie. 

Riportiamo di seguito domande e risposte.

QUALI ATTIVITA’ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SONO SOGGETTE AD ORDINANZA?
Tutte le attività di somministrazione o di consumo sul posto di prodotti artigianali, ad esclusione di quanto
espressamente previsto dall’ordinanza per bar, locali notturni ed altri esercizi di intrattenimento aperto al
pubblico, non sono soggetti all’obbligo della chiusura dalle ore 18 alle ore 6. La presente disposizione vale
anche per le medesime attività esercitate all’interno dei centri commerciali.

QUALI ATTIVITA’ POSSONO RESTARE APERTE ALL’INTERNO DEI CENTRI COMMERCIALI?
All’interno dei centri commerciali di grande e media dimensione non sono soggetti all’obbligo di chiusura
del sabato e della domenica le attività che vendono prodotti alimentari in misura prevalente. Nelle
medesime strutture i bar si devono invece attenere alla chiusura dalle ore 18 alle ore 6.

L’ORDINANZA RIGUARDA ANCHE LE TABACCHERIE?
Le tabaccherie senza attività di bar o altre attività accessorie non devono sottostare alla chiusura dalle ore
18 alle ore 6.